rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica

Fratelli d’Italia a confronto con i giovani: «Sono le nostre migliori energie»

Il dibattito moderato da Colosimo (Fd'I) con Marchi Fornaroli (Confindustria), Poggioli (Confapi), Marsiglia (Confcooperative) e Minardi (Coldiretti)

Spazio ai giovani per Fratelli d’Italia. Il movimento politico ha organizzato un nuovo confronto pubblico, nella cornice della casa delle associazioni di via Musso, per dare la parola a protagonisti della vita economica piacentina e rivolgere lo sguardo alla Piacenza di domani. A organizzare questo momento di confronto il coordinatore cittadino del partito Marco Colosimo. «Dopo aver ascoltato nelle ultime settimane il mondo economico, le categorie e l’associazionismo – ha così motivato Colosimo l’appuntamento dello scorso 19 marzo - era giusto confrontarci anche con i giovani, le migliori energie per la città di oggi e di domani. Giovani che, troppo spesso, sono però costretti ad uscire dal nostro territorio».

Elena Marsiglia dei giovani di Confcooperative Piacenza, ha raccontato la sua esperienza. Residente a Isola Serafini di Monticelli, è architetto e cooperatrice nella società “Isola tre ponti”, che lavora nel suo territorio. «Abito fuori ma conosco molto bene la città. Piacenza - è la sintesi del suo intervento - ha dimenticato e guardato in direzione opposta al fiume Po, che rimane una grandissima opportunità di sviluppo. La nostra è l’unica cooperativa fluviale, rispetto alla stragrande maggioranza di attività cooperative che si sviluppano in collina e montagna. Troppo spesso noi giovani riceviamo tante pacche sulle spalle ma poco ascolto quando segnaliamo problemi o cerchiamo aiuto per i nostri progetti». Al dibattito ha partecipato anche Lorenzo Marchi Fornaroli, presidente di Confindustria Giovani. «Da imprenditore non nascondo i timori di questo periodo, visti i tanti problemi nel mondo. Però Piacenza offre davvero tante opportunità, perché è in Emilia-Romagna, tra le prime regioni d’Europa per Pil, ma anche al confine con la Lombardia. Così possiamo contare su un’alta concentrazione di aziende grandi e piccole, dall’agricoltura alla chimica, dalla meccatronica alla meccanica. Le opportunità ci sono anche per fare l’imprenditore partendo da zero, se uno ha le idee. Perché la Regione è attenta e anche gli enti pubblici locali». Per Marchi Fornaroli il tema del collegamento veloce con Milano rimane ancora fondamentale. «Per riportare i pendolari piacentini a vivere qui e anche i giovani lombardi che intendono acquistare casa nella nostra città, a prezzi più contenuti rispetto a Milano. Con più residenti la città può svilupparsi. Ma Piacenza deve anche pensare ad un futuro più sostenibile a livello ambientale». A rappresentare la componente giovanile di Confapi era presente il presidente Gianluca Poggioli. «Credo che noi giovani - ha detto - possiamo fare impresa a Piacenza. Il lavoro c’è, serve personale specializzato nel nostro territorio che non si trova. Ritengo decisiva la scelta di uno studente chiamato a decidere che indirizzo prendere alle superiori. Spesso si scelgono strade che non portano sbocchi in questa provincia». Davide Minardi, delegato provinciale di Coldiretti Giovani Impresa, ha rappresentato le istanze del mondo agricolo. «C’è stato un ritorno all’agricoltura negli ultimi anni da parte dei giovani – ha spiegato. Piacenza in questo è capofila in Emilia-Romagna come numero di primi insediamenti in agricoltura. Si tratta di giovani che hanno ripreso le terre dei nonni e dei genitori o degli zii, salvaguardando così terre di collina e di montagna, portando competenze, anche perché hanno spesso una formazione universitaria e idee. Il tema è poi mantenere l’azienda agricola, dopo l’insediamento, ovvero costruire un reddito». Al termine del dibattito, la parola è poi passata ai giovani che si stanno impegnando all’interno di Fratelli d’Italia per dare un contributo alla comunità: Luca Corbellini, Beatrice Carvani, Martina Cristalli, Sara Malvicini, Matteo Scardino hanno dimostrato che il movimento di Giorgia Meloni riesce a coinvolgere diversi under 35.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fratelli d’Italia a confronto con i giovani: «Sono le nostre migliori energie»

IlPiacenza è in caricamento