Fratelli d'Italia, ecco i candidati per le Regionali: Tagliaferri, Callori, Zanardi e Campopiano

Fratelli d'Italia cresce, aderiscono due vicesindaci e un consigliere. Francesco Lollobrigida a Piacenza: «Liberare l'Emilia Romagna per liberare l'Italia»

Tagliaferri, Zanardi, Lollobrigida, Campopiano e Callori

“Il consenso crescente di Fratelli d’Italia è possibile unicamente perché cammina sulle gambe di chi lo rappresenta, ed è uno straordinario piacere accogliere nella grande casa della Destra nuovi amici” è l’apertura entusiasta di Filippo Bertolini, Portavoce provinciale di Fratelli d’Italia, che nella conferenza stampa di sabato 9 novembre ha presentato i nuovi amministratori aderenti al movimento politico guidato da Giorgia Meloni. Bertolini ed i consiglieri regionali Fabio Callori e Giancarlo Tagliaferri hanno fatto gli onori di casa: “E’ con grande soddisfazione e gratitudine – hanno rimarcato i dirigenti di Fratelli d’Italia - che accogliamo nuovi militanti che, come in questo caso, si sono dimostrati sempre sensibili alle esigenze dei cittadini che li hanno premiati eleggendoli nei rispettivi comuni”. A fare da veri Conf. stampa nuove adesioni-2protagonisti della conferenza stampa sono stati proprio i neo-iscritti: “Ho iniziato la mia avventura politica nel 2017 – ha spiegato Paola Campopiano, vicesindaco di Carpaneto – occupandomi delle numerose deleghe affidatemi con particolare riferimento a quelle a me più care quali cultura, pubblica istruzione spaziando sino al personale. Se da un lato non mi ero mai formalmente iscritta ad alcun partito, oggi – come mi chiamano i miei studenti – “la Campo” scende in campo, e lo faccio nel solco dei valori e delle idee nei quali da sempre credo e mi riconosco”. Con altrettanta decisione ha aderito Riccardo Giarola, classe 1989, appassionato di politica da sempre tanto da laurearsi in scienze politiche sino ad arrivare a rivestire 3 anni fa la carica di consigliere comunale di maggioranza a Monticelli d’Ongina: “Ho scelto Fratelli d’Italia – ha spiegato Giarola – perché è un partito che sin dalla sua fondazione ha saputo tenere la barra dritta, con coerenza ma anche con ambizione, così come i risultati elettorali hanno dimostrato premiandolo. Qui ho trovato persone competenti ed in grado di dare risposte ai diversi livelli istituzionali”. Grande convinzione da parte di Giuseppe Freppoli, uomo di grande esperienza e di lunghe battaglie che lo hanno visto sedere nei banchi dell’opposizione in consiglio comunale a Castell’Arquato sino all’approdo vittorioso nel 2009, rivestendo oggi il ruolo di Vice-sindaco: “In precedenza ho avuto esperienze politiche diverse che non rinnego – ha spiegato Freppoli – ho tuttavia sposato il progetto di Fratelli d’Italia, avendo avuto modo di condividere con Giancarlo Tagliaferri i banchi del Consiglio provinciale ed avendo potuto apprezzare le qualità di questo movimento politico e dei suoi rappresentanti”. 

DSC_0180-4LOLLOBRIGIDA A PIACENZA: “LIBERARE L’EMILIA-ROMAGNA PER LIBERARE L’ITALIA” 

E’ stato con un momento simbolico che si è aperta, sabato 9 novembre, la kermesse di Fratelli d’Italia. L’ospite d’onore on. Francesco Lollobrigida, Capogruppo alla Camera dei Deputati del partito, insieme ai dirigenti locali ed ai candidati alle elezioni regionali di Fratelli d’Italia, ha abbattuto “il muro di Berlino”, per l’occasione del trentennale della sua caduta ri-confezionato in chiave allegorica dai militanti di Gioventù Nazionale, il movimento giovanile di FdI. Ha provveduto ad aprire le danze ed a fare gli onori di casa il Consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri: “Siamo chiamati ad una grande sfida – ha rimarcato Tagliaferri – quella di abbattere il muro della Regione, dove forse i comunisti di allora non vi sono più, ma senza dubbio vi dettano legge i loro nipotini. Siamo in prima linea nei banchi dell’opposizione e, con gli alleati del centrodestra, siamo pronti a rappresentare il vero cambiamento in Regione”. Numerosi gli affondi di Tommaso Foti, Vice-capogruppo Vicario alla Camera di Fratelli d’Italia, che è entrato nel dettaglio della competizione elettorale: “Stiamo dando vita – ha spiegato Foti – ad una campagna elettorale di mobilitazione ed ascolto dei cittadini, come dimostrano le numerosissime iniziative pubbliche messe in campo già a partire da agosto. Espugnare la Regione significa, per chi da sempre crede nelle idee che mossero il mondo, riportare il pluralismo culturale contro la dittatura del pensiero unico, scardinare il sistema cooperativo che ha fatto fuori la piccola media impresa per poi, a sua volta, saltare per aria, nonché portare in sella persone capaci e che sappiano farsi alfieri del cambiamento e della buona amministrazione. Fratelli d’Italia c’è – ha tuonato Foti – e lo farà senza bizantinismi avendo già individuato i propri candidati piacentini dei quali siamo fieri: Giancarlo Tagliaferri, Fabio Callori, Gloria Zanardi e Paola Campopiano”. Tagliaferri e Callori sono consiglieri regionali uscenti, oltre che due ex sindaci (rispettivamente, San Giorgio e Caorso). Zanardi è consigliera comunale a Piacenza ed ex consigliere provinciale, oltre che consigliere a Ottone. Campopiano ricopre attualmente la carica di vicesindaco a Carpaneto. Foti ha quindi passato la parola all’on. Francesco Lollobrigida che ha voluto in primo luogo “ringraziare l’amico Tommaso, perché senza la certezza poter contare su un Vice-capogruppo della sua esperienza non avrei mai accettato il ruolo di Capogruppo alla Camera”. Lollobrigida ha quindi subito marcato il passo: “Fratelli d’Italia, indipendentemente da questa o quella maggioranza, si batte con pervicacia a difesa dell’interesse nazionale. Lo abbiamo fatto tanto quando contrastavamo il reddito di cittadinanza, spesso predicando nel deserto ma costretti oggi nostro malgrado a farci dare ragione dai numeri, così come oggi nel combattere una legge di bilancio finanziata per 10miliardi da nuove tasse, nella migliore tradizione della sinistra italiana”. Lollobrigida ha quindi rivendicato che “Per un movimento politico patriottico quale quello guidato da Giorgia Meloni non esistono feste: daremo battaglia alla Camera sulla manovra finanziaria, così come i nostri esponenti si spenderanno indipendentemente dalle festività natalizie o dal freddo per espugnare la Regione Emilia-Romagna. Liberare la Regione – ha concluso Lollobrigida – rappresenta il primo fondamentale passo per liberare l’Italia dal governo giallo-rosso”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento