Politica

Giardino: «Alcune scuole si devono dar da fare per la didattica online»

Il consigliere comunale del Gruppo Misto Michele Giardino: «Alcuni presidi stanno temporeggiando, bisogna darsi una mossa perché le scuole rimarranno chiuse a lungo»

«Le scuole non riapriranno più per quest'anno. Se ne parla verosimilmente il 1 settembre. Ciò significa che la didattica a distanza dovrà diventare regola per i prossimi due mesi». Così Michele Giardino, consigliere comunale del Gruppo Misto di Piacenza, mette in guardia le scuole piacentine sulla possibilità di non rivedere in tempi rapidi gli studenti varcare fisicamente la soglia della classe.  «E significa – prosegue nel suo intervento Giardino - soprattutto che i dirigenti di quelle scuole, soprattutto medie, che hanno fino ad ora nicchiato Michele Giardino-4sperando che i loro docenti si barcamenassero in autonomia, devono rimboccarsi le maniche e approntare delle vere e proprie aule virtuali online in cui sia riprodotto il grosso dell'orario settimanale delle classi presenti nei loro istituti. Taluni presidi illuminati lo hanno già fatto da tempo, qualcun altro ha preferito ciurlare nel manico. Non si può più temporeggiare. Non devono esistere studenti di serie B costretti a pagare pegno per la pochezza organizzativa di chi dirige la loro scuola. Quello all'istruzione è un diritto costituzionale. Datevi una mossa».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardino: «Alcune scuole si devono dar da fare per la didattica online»

IlPiacenza è in caricamento