Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Giardino: «Sui cimiteri la situazione si sta ingarbugliando»

Il consigliere del Misto: «Mentre Comune ed ex gestore litigano la situazione di degrado del cimitero monumentale peggiora»

Michele Giardino

«La politica amministrativa ha una sua funzione precisa: risolvere i problemi dei cittadini. Il cimitero di Piacenza e il modo in cui esso è gestito e curato, costituiscono un problema da troppo tempo. Un paio di mesi fa, con piglio artificiosamente decisionista, la giunta dichiara guerra giuridica alla società affidataria dei servizi cimiteriali: risolve il contratto e incarica una nuova società. Cosa ne è scaturito? Si sono appianati tutti i problemi? Niente affatto. La situazione si sta ingarbugliando ancor di più. Tra ricorsi al Tribunale, ricorsi al Tar, accoglimenti, rigetti e sospensive, la matassa diventa sempre più grande e inestricabile, ogni giorno che passa. E nel frattempo, la condizione di degrado del cimitero peggiora, come peraltro testimoniano quei cittadini che vi si recano a pregare i propri morti. Politici esperti avrebbero puntato al cuore del problema già alcuni anni fa, intavolando con la società affidataria un canale diplomatico di dialogo e confronto tale da dipanare ogni nodo contrattuale, per metterla nella condizione di agire al meglio senza ulteriori ritardi. Ha prevalso invece l'anima avvocatizia che impiega anni per studiare una pratica, per poi sparigliare con una mossa - la risoluzione del contratto - che prevedibilmente la controparte avrebbe sottoposto al giudizio delle autorità competenti. È un giocare a scacchi senza saper giocare a scacchi. Sulla scacchiera della città».

Michele Giardino, consigliere comunale del Gruppo Misto ed esponente della “Buona Destra”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardino: «Sui cimiteri la situazione si sta ingarbugliando»

IlPiacenza è in caricamento