Gibertoni (5 stelle): «Confusione su utilizzo dispositivi di protezione per operatori sanitari»

La pentastellata in Regione porta l'attenzione della Giunta su controlli delle Asl e copertura assicurativa del personale

Giulia Gibertoni

Inadeguatezza dei dispositivi di protezione individuale in uso da parte degli operatori sanitari per fronteggiare l'emergenza coronavirus e disorganizzazione sulle modalità di utilizzo delle mascherine per i cittadini, ma anche per il personale sanitario "bombardato dai canali informativi istituzionali che spesso, invece di fare chiarezza, originano confusione". È la situazione descritta da Giulia Gibertoni (M5s) che, con un'interrogazione, porta l'attenzione sulle responsabilità delle Ausl nel verificare che i dispositivi siano adeguati e sui rischi per gli operatori in tema di copertura assicurativa.

"Nel caso di utilizzo di dispositivi non regolamentari, vi è il rischio che non questa non venga riconosciuta all'operatore sanitario", spiega Gibertoni. "In caso di contagio di un operatore a seguito di contatto con soggetto positivo nei locali delle strutture sanitarie, l'utilizzo di quale dispositivo permette la copertura e il riconoscimento delle tutele da parte degli enti previdenziali e assicurativi?" Inoltre, fa notare la pentastellata, in molte strutture sanitarie pubbliche ricaderebbe in capo allo stesso soggetto (l'Azienda Usl) sia l'obbligo di fornire i dispositivi idonei sia quello di controllare con apposite ispezioni che questi effettivamente lo siano: "Come giudica la Regione il conflitto di competenza in capo alle Aziende Usl che, contestualmente, sono responsabili della tutela della salute dei loro dipendenti, quali datori di lavoro, e responsabili dei controlli ispettivi sui dispositivi di protezione individuale, il cui acquisto è effettuato dalla stessa Ausl tramite i canali preposti?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questi motivi la consigliera Cinquestelle chiede alla Giunta di intervenire per risolvere queste criticità, anche per quanto riguarda la comunicazione istituzionale su dispositivi e mascherine, "su come vanno usate, su quali siano i modelli idonei e non idonei", una "comunicazione che crea confusione tra cittadini e operatori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento