menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gibertoni (Misto): fare chiarezza sull'annuncio di un nuovo ospedale

La consigliera regionale invita a evitare progetti faraonici e a potenziare le strutture esistenti con un'attenzione a quelle più radicate nel territorio

Fare chiarezza sulla proposta della Giunta di realizzare un nuovo ospedale a Piacenza e di come la Regione, più in generale, voglia potenziare la sanità pubblica sul territorio emiliano-romagnolo. A chiederlo, in un'interrogazione alla Giunta, è Giulia Gibertoni (Misto) che ricorda come la pandemia da coronavirus abbia fatto emergere le criticità del sistema sanitario emiliano-romagnolo che, a detta della consigliera, negli ultimi dieci anni avrebbe visto un aumento della presenza dei soggetti privati a scapito di quelli pubblici.Giulia Gibertoni-5

In particolare Gibertoni si concentra sulla previsione della realizzazione un nuovo ospedale a Piacenza in sostituzione dell'Ospedale “Guglielmo da Saliceto” che, sottolinea la consigliera "è una struttura tuttora pienamente efficiente e che serve l’intero territorio provinciale, cioè oltre 280 mila persone, e che non ha mai evidenziato, negli ultimi anni, emergenze di sovraffollamento o altri problemi nella congestione dei vari reparti, rappresentando un importante presidio inserito nel pieno del contesto urbano di Piacenza e consentendo, tra l’altro, lo sviluppo di un indotto economico di attività commerciali".

Da qui l'atto ispettivo per sapere dall'esecutivo regionale "attraverso quali strumenti e procedure intenda sviluppare i presidi territoriali del servizio sanitario regionale, in termini di potenziamento di servizi dedicati, incremento e stabilizzazione del personale; il costo di gestione previsto, o quanto meno prevedibile, per il nuovo ospedale di Piacenza in rapporto a quello esistente; se esista un progetto particolareggiato riguardante la nuova struttura ospedaliera, con il dettaglio dei reparti e dei servizi alla cittadinanza che saranno presenti e, in caso positivo, una relazione sintetica su tali aspetti".

Giulia Gibertoni, infine, chiede all'amministrazione regionale "se, presa coscienza della necessità di maggiori investimenti sulla sanità territoriale, non ritenga opportuno rivedere i propri convincimenti in tema di edilizia sanitaria, abbandonando i progetti faraonici di grandi ospedali nuovi, come quello di Piacenza, e puntando a potenziare gli ospedali dei territori nonché riammodernando le strutture esistenti presenti all’interno delle città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento