rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Politica

Giustizia e malagiustizia, il dibattito con Zurlo di Forza Italia

Evento organizzato da Forza Italia Piacenza, nelle sue tre componenti, di gestione generale del partito, dei seniores e di Azzurro Donna. Ospite d'onore Stefano Zurlo, firma del giornalismo italiano e noto redattore de "Il Giornale" e scrittore di temi di attualità, soprattutto legati all'amministrazione della giustizia e ai casi di errori giudiziari. L'incontro, recentemente svoltosi nella cornice della Galleria d'Arte Rosso Tiziano, rientra nel programma di un dimensionamento culturale dei temi e degli impegni della politica, scelta fondamentale per liberare questa dal frequente condizionamento delle cose contingenti. Obbiettivo dei rappresentanti locali è quello di dare luce a temi che nonostante il passare dei governi non sembrano risolversi e che devono essere affrontati con incontri da un taglio informativo e critico, per tutti i cittadini non soltanto per i tecnici.

Forza Italia ha inaugurato questo ciclo di convegni trattando un tema centrale: la giustizia. Dopo l'introduzione al pomeriggio e al suo significato da parte di Maurizio Dossena, referente Seniores per i temi della cultura e della scuola, e un intervento di carattere generale della Capogruppo F.I. in Regione Valentina Castaldini, la discussione si è articolata in un trittico di domande e risposte fra Isabella Martini di Azzurro Donna, il noto giornalista e l’avvocato Ascanio Sforza Fogliani, cassazionista, membro della commissione legale di Confedilizia ed autore di numerosi contributi in materia. I temi forti su cui si sono principalmente articolate le domande dell’Intervistatrice hanno naturalmente riguardato alcuni casi giudiziari piuttosto noti e clamorosi, o notoriamente legati ad assoluzioni riconosciute con troppo ritardo oppure capaci di lasciare forti dubbi nell’opinione pubblica, temi che Zurlo ha trattato in diversi suoi libri: «troppi casi lasciati nel dimenticatoio – ha ben sottolineato Isabella Martini -, che Forza Italia intende riportare alla luce e studiare, insieme con un osservatore attento come Zurlo; si è parlato della giustizia come casta, di certi libri neri della Magistratura, di non pochi casi di malagiustizia o di giustizia non sempre convincente, non sono mancati gli esempi, Cogne, Garlasco… e nemmeno, naturalmente, i riferimenti alla vicenda giudiziaria di Silvio Berlusconi».

E rispondendo alla domanda, quali riforme riterrebbe utili nella Magistratura per aggirare tali rischi, il relatore ha naturalmente portato il discorso sul piano delle vere riforme, quelle tanto attese e tanto poco attuate nell’esercizio della giustizia (il Codice Rocco ne è stato un esempio clamoroso). Alle motivate affermazioni di Zurlo hanno fatto poi da contraltare alcune perentorie puntualizzazioni di Ascanio Sforza Fogliani, che ha, di suo, difeso la perentoria attuazione di una rigorosa giustizia: s’intende, tuttavia, che le posizioni dei due relatori non hanno mancato di cercare e trovare una buona armonia pur nelle sfumature interpretative. Sono poi intervenuti il coordinatore piacentino del partito Gabriele Girometta e la Referente provinciale Seniores Paola Pizzelli, nonché, via internet, il senatore Enrico Pianetta e la coordinatrice regionale Seniores Gabriella Pezzuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giustizia e malagiustizia, il dibattito con Zurlo di Forza Italia

IlPiacenza è in caricamento