Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Gragnano, Calza: «Pressione fiscale e servizi sociali inalterati, ora palestra e centro culturale»

Elezioni Amministrative del 26 maggio. Patrizia Calza si ricandida a sindaco a Gragnano: «Con una vera lista civica capace di rinnovarsi, in grado di affiancare persone con esperienza a giovani e figure nuove»

Patrizia Calza

Patrizia Calza, ex vicepresidente e attuale sindaco di Gragnano, si ricandiderà come candidato sindaco alle Elezioni Amministrative del prossimo 26 maggio. «La lista “Solidarietà e sviluppo” – spiega Calza- è una vera lista civica presente da anni e capace di rinnovarsi, affiancando a persone di maggiore esperienza, figure nuove e giovani che possano garantire una continuità nell’impegno civico a favore della comunità. Il “bene comune” è un bene relazionale, nasce dall’incontro, dalla reciprocità, dalla corresponsabilità. Non ci può essere bene comune se il cittadino è solo soggetto che demanda le decisioni all’amministrazione, subendo passivamente gli effetti positivi o negativi dell’azione di altri: per cui abbiamo puntato molto sulla “partecipazione e cittadinanza attiva” che era una prima linea guida del Patrizia Calza-7programma amministrativo e siamo molto soddisfatti: accanto ai volontari Auser, che da tanto collaborano con il Comune, il paese ha risposto alla richiesta di coinvolgimento. Ricordo La Camminata della solidarietà, la nascita del gruppo “Gragnano cammina”, la formazione dei gruppi di controllo di vicinato, anche nelle frazioni, la Festa “Notte d’estate” che vede in azione i commercianti del paese, la maggiore collaborazione tra le varie associazioni che si esprime anche nella organizzazione della “Cena delle associazioni” con scopo benefico, la sponsorizzazione di varie attività commerciali che hanno consentito l’acquisto di un doblò attrezzato  per disabili, con risparmio per i cittadini…e poi il conferimento della benemerenza civica Gragnano-Bene Comune, la collaborazione dei commercianti nel sostegno alla Biblioteca, il coinvolgimento della scuola e degli studenti del Consiglio Comunale Ragazzi in tutti i momenti più significativi della vita del paese».

Calza sottolinea anche l’aver mantenuto inalterata la pressione fiscale (tra le più basse della Provincia), il risparmio della spesa corrente con efficientamenti e innovazioni tecnologiche; con soli 200.000 euro di mutui realizzati oltre 1 milione di euro di opere pubbliche grazie  a finanziamenti regionali e nazionali (quali la messa in sicurezza e efficientamento energetico della scuola media). Mentre un ulteriore importo stimato in 800-900 mila euro è il valore delle opere pubbliche realizzate grazie ad accordi pubblico-privato o in collaborazione con Provincia o Consorzio bonifica (per esempio le piste ciclabili La Pira, il 40° parallelo e la strada castagne amare, copertura Rio Lora a Campremoldo Sotto)».

«Sono stati mantenuti inalterati i servizi sociali, anzi sono stati potenziati, per esempio con l’attivazione di progetti nell’ambito della politiche giovanili a favore di tutta l’unione dei comuni, accedendo a finanziamenti regionali, o con l’adesione del nostro comune (uno dei pochi) al progetto regionale di sostegno alle famiglie per frequenza ai centri estivi (servizio che il personale del comune svolgerà quest’anno, anche per tutto il distretto, perché non vengano a perdersi risorse disponibili, nonostante il nostro non sia comune capofila…)». Ma il sindaco Calza guarda anche al futuro, se sarò rieletta. «Per il futuro i due progetti più significativi saranno per cui sono già stati reperiti i finanziamenti saranno la nuova palestra – un milione e 400mila euro – e il centro culturale da 395mila euro (di cui 266 a fondo perduto)».

"PER GRAGNANO SOLIDARIETA' E SVILUPPO"

Amisani Edoardo, 29 anni

Bersani Maria Cristina, 32

Capellini Andrea, 20

Cavanna Alessandro, 26

Caviati Marco, 50

Cigalini Davide, 40

Frattola Alberto, 58

Perotti Mattia, 22

Provini Matteo, 36

Quagliaroli Marco, 64

Schiavi Cristiano, 46

Tirelli Alessandra, 48

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gragnano, Calza: «Pressione fiscale e servizi sociali inalterati, ora palestra e centro culturale»

IlPiacenza è in caricamento