Gropparello, Foti: «Chi sono i migranti e per quale motivo sono lì»

Il giudizio tranchant del deputato piacentino di Fratelli d’Italia, che ha rivolto una interrogazione al Ministro dell’Interno Lamorgese. Anche il consigliere regionale Tagliaferri solidale con i residenti di Gropparello

«Quanto avviene da mesi in via Rosso, nel cuore di Gropparello, non è altrimenti tollerabile». Questo il giudizio tranchant di Tommaso Foti, deputato piacentino di Fratelli d’Italia, che con riferimento agli episodi di violenza e degrado verificatisi nei pressi di uno stabile a Gropparello, ove risiedono numerosi stranieri, ha rivolto una interrogazione al Ministro dell’Interno Lamorgese. «Le vibranti proteste dei residenti – attacca Foti – sono tanto comprensibili quanto condivisibili. E’ del resto incredibile che, ad oggi, non sia dato di sapere chi siano i migranti che risiedono in via Rosso, se in passato abbiano fatto parte di programmi di accoglienza e ne siano stati allontanati e, se sì, per quali motivi». Per il parlamentare del movimento politico di Giorgia Meloni «se una comunità deve spingersi a raccogliere firme ed a bussare alla porta del Tagliaferri-10Sindaco per lanciare l’allarme risulta di tutta evidenza come il problema sia grave ed oggettivo. I video che circolano e le testimonianze dei residenti oltre a destare preoccupazione sono obiettivamente inquietanti». Foti si appella al Ministro dell’Interno chiedendo «una approfondita verifica di chi siano queste persone che, nonostante i lodevoli interventi da parte delle Forze dell’Ordine, continuano a tenere in scacco la comunità di Gropparello con atteggiamenti che poco hanno a che vedere con la civiltà ed il quieto vivere».

TAGLIAFERRI: «TROPPA INSICUREZZA, BASTA RASSICURAZIONI ORA SERVONO FATTI CONCRETI»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sono stato a Gropparello perché i cittadini non devono essere lasciati soli: Governo e Regione devono fare la propria parte per assicurare la sicurezza e la dignità della vita in questo importante centro della nostra provincia: non è più sufficiente dare rassicurazioni, servono fatti. Servono subito e sarò vigile». Giancarlo Tagliaferri, consigliere regionale di Fratelli d'Italia eletto in provincia di Piacenza, interviene in merito agli episodi di violenza e degrado verificatisi nei pressi di uno stabile a Gropparello, ove risiedono anche numerosi stranieri. Una situazione ormai intollerabile che ha spinto i residenti a dare vita a una raccolta firme per chiedere alle istituzioni di fare la propria parte. «Chiediamo chiarezza e fatti concreti», incalza Tagliaferri rivolgendosi in primo luogo al Ministero dell'Interno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • Muore schiacciato sotto un trattore a Ferriere

  • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un albero, ferito un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento