rotate-mobile
Politica

«I tagli mettono a rischio le comunicazioni di emergenza del servizio 118»

«Il servizio Ict - spiega Tommaso Foti, consigliere regionale Fdi-An - gestisce funzioni essenziali e trasversali. La Giunta provveda invece a tagliare il milione di euro regalato annualmente a rom e sinti»

«I tagli, prospettati in sede di predisposizione del bilancio 2018, al Servizio Ict (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione) della Regione, che garantisce oltre ai servizi amministrativi standard e alla gestione delle postazioni di lavoro anche quelli di "datacenter" indispensabili per garantire il corretto funzionamento di altri servizi erogati dall’Ente (allerta meteo, servizi Arpae, attività produttive, flussi sanitari), rischiano di pregiudicare la fornitura di numerosi servizi essenziali». Lo rimarca in un’interrogazione alla Giunta il consigliere Tommaso Foti (Fdi-An). Il primo servizio che potrebbe saltare, spiega il consigliere, è "l’uso delle frequenze della rete radio analogica per le comunicazioni di emergenza del servizio 118".

Il capogruppo di Fdi-An, pertanto, chiede all’esecutivo regionale se "intenda ripristinare lo stanziamento originariamente previsto per il Servizio Ict", visto che l’attuale formulazione delle proposta di bilancio previsionale prevede una decurtazione di 2 milioni e 260mila euro, indispensabili, sostiene Foti, al mantenimento degli attuali livelli di servizio dell’Ict". Il consigliere, infine, ricorda alla Giunta che "se nell'imminenza della campagna elettorale per le elezioni politiche vuole mostrare un'inedita capacità di contenere le spese della struttura amministrativa” è bene che inizi a tagliare leggi regionali come la 11/2015 che “regala annualmente un milione di euro a rom e sinti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«I tagli mettono a rischio le comunicazioni di emergenza del servizio 118»

IlPiacenza è in caricamento