menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il centro di aggregazione giovanile “Spazio 2” in gestione ad Asp “Città di Piacenza”

La decisione dell'Amministrazione Barbieri: la “cittadella del lavoro e della creatività giovanile” affidata alla società di servizi alla persona del Comune. Il dibattito in Consiglio

Una modifica allo statuto di Asp “Città di Piacenza”, la società al 94% di proprietà del Comune capoluogo, ha svelato le intenzioni dell’Amministrazione Barbieri in merito al futuro del centro di aggregazione giovanile “Spazio 2”. In Consiglio comunale è passata quasi all’unanimità la modifica dello statuto di Asp, che ora vede tra i suoi obiettivi anche quello di occuparsi di attività socio-educative che favoriscano la socializzazione e l’aggregazione dei giovani. «Questa proposta – ha spiegato l’assessore alle politiche giovanili Luca Zandonella - nasce dalla fine del 2019 dopo alcuni confronti insieme ai vertici di Asp e all’assessore Federica Sgorbati. Abbiamo convenuto che Asp si poteva rivolgere a una platea di giovani: già oggi si occupa di minori non accompagnati. Si potranno recepire maggiori risorse da Luca Zandonella-5bandi regionali e concretizzare nuovi progetti sul fronte giovanile». Insomma, il Comune vuole affidare ad Asp la gestione della struttura di via XXIV Maggio – “la cittadella del lavoro e della creatività giovanile” - fino a poco tempo fa affidata a “L’Arco” e “Officine Gutenberg”. Ad aprile era scaduto l’appalto e l’ente non aveva provveduto ad allestire un nuovo bando. Ora la volontà è quella di affidare direttamente ad Asp le redini di Spazio 2.

«L’assessore non ha spiegato molto – ha preso la parola il capogruppo del Partito Democratico Stefano Cugini -, chiediamo la volontà dell’Amministrazione su Spazio 2, rimarrà la “cittadella della creatività giovanile”? Asp gestirà direttamente la struttura? C’era un centrodestra che inveiva a lungo durante il precedente mandato sugli affidamenti del Comune ad Asp di attività, segnalando che la società doveva dedicarsi e concentrarsi a anziani e disabili, non ad altre utenze. Fossi un elettore di centrodestra sarei confuso, state internalizzando nuovamente un servizio, questa è una politica di sinistra». Sergio Pecorara (Misto) ha apprezzato la decisione dell’Amministrazione. «Il centrodestra – ha aggiunto Massimo Trespidi (Liberi) - ha fatto male a schierarsi contro l’internalizzazione nel mandato di Dosi, queste sono questioni non di sinistra e neanche di destra. Che il Comune abbia un braccio operativo in grado di gestire nuovi servizi è un bene». «Non è chiaro cosa voglia fare l’Amministrazione – è il parere di Giulia Piroli (Pd) - sull’aggregazione giovanile e i suoi spazi». «Sono favorevole – ha preso la parola Michele Giardino (Misto) -i giovani vanno seguiti e curati. Asp garantirà un servizio migliore per i giovani». «Asp – ha chiesto Luigi Rabuffi (Pc in Comune) - ha personale in grado di lavorare direttamente a Spazio 2, o appalterà nuovamente il servizio ad un’altra realtà?». L’assessore Zandonella si è limitato a replicare che quella di affidare ad Asp la gestione del centro è stata una «decisione concertata dopo molte riflessioni e riunioni con i vertici della stessa azienda di servizi alla persona».  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento