rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Politica

Il consigliere Raggi (Idv): «Quando chiuderà l’inceneritore di Borgoforte?»

Il consigliere comunale Samuele Raggi: «Emerge uno scenario inquietante: la regione afferma che non verranno più conferiti i rifiuti urbani a Borgoforte, ma questo non significa che l’impianto chiuderà»

«Rispondendo a un’interrogazione di un consigliere regionale – afferma in una nota il consigliere comunale Samuele Raggi dell’Italia dei Valori - la vicepresidente della Regione Simonetta Saliera ha affermato che il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti prevede per l'inceneritore di Borgoforte una capacità di trattamento pari a 120.000 tonnellate all'anno fino al 2020, data in cui è prevista la cessazione del conferimento di rifiuti urbani. Sembrerebbe quindi già scontato anche l’esito dell’autorizzazione che la Provincia dovrebbe rilasciare su richiesta di Tecnoborgo. Nella risposta non si accenna però minimamente a un aspetto fondamentale: quando chiuderà l'inceneritore di Piacenza? Affermare che non verranno più conferiti i rifiuti urbani a Borgoforte non significa affatto che contestualmente si chiuderà l'impianto. Emerge anzi uno scenario inquietante, a conferma della possibilità che a Piacenza verranno importati rifiuti speciali da altre zone d'Italia. In fondo è lo stesso Piano Rifiuti a prevederlo, al comma 3 dell'articolo 18 delle norme tecniche: negli inceneritori della nostra regione “è consentito trattare anche quote di rifiuti speciali nei limiti della capacità autorizzata disponibile”. In sintesi, gli spazi lasciati vuoti dal mancato conferimento di rifiuti urbani saranno riempiti dai rifiuti speciali provenienti da altre regioni. Mentre la politica regionale promette ai cittadini la progressiva chiusura di discariche e inceneritori salvo poi andare nella direzione contraria, c'è chi una risposta sul futuro di Borgoforte l'ha già data: il direttore di Iren Emilia Eugenio Bertolini, quando nel corso del Consiglio comunale di Piacenza ha affermato che l'inceneritore continuerà la sua attività bruciando i rifiuti speciali provenienti da ogni parte d'Italia per i prossimi trent'anni anni, mentre i rifiuti urbani piacentini andranno nell'inceneritore di Parma. Ecco la verità, che non è stata ancora smentita: l'inceneritore chiuderà quando lo deciderà Iren, e comunque non prima di trent'anni. A Parma poi già non vogliono i rifiuti di Reggio Emilia: siamo sicuri che vorranno quelli di Piacenza? I piacentini sembra comunque che dovranno rassegnarsi ad avere un’aria “pesante” ancora a lungo.
Posto dunque che le decisioni che ci riguardano le assume direttamente Iren, che senso ha continuare a far parte della società se non si è in grado di orientarne le scelte? Vale forse la pena interrogarsi se, uscendo dalla compagine,  il nostro potere contrattuale non possa magari aumentare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il consigliere Raggi (Idv): «Quando chiuderà l’inceneritore di Borgoforte?»

IlPiacenza è in caricamento