Il Consiglio di Stato: «Raggi deve entrare in Consiglio comunale»

L'esponente di "Italia in Comune" torna a Palazzo Mercanti, dopo la lunga querelle giudiziaria sull'assegnamento del seggio con Gianluca Bariola. Il Consiglio di Stato accoglie la sua istanza

Samuele Raggi

Il Consiglio di Stato dà ragione a Samuele Raggi: merita l’approdo a Palazzo Mercanti come consigliere comunale, al posto di Gianluca Bariola, e già da lunedì 15 riprenderà il posto che gli spetta. Dopo una vicenda giudiziaria partita all’indomani delle Elezioni Comunali del giugno 2017, Raggi si vede accogliere la sua richiesta all’ultimo grado di giudizio.

La vicenda è nota. Nella consultazione elettorale dell’11 giugno 2017 Raggi ottenne 124 preferenze, risultando secondo della lista del Samuele Raggi-5centrosinistra “Con Rizzi la Piacenza del futuro”, dietro a Gianluca Bariola, primo dei non eletti e poi subentrato a Palazzo Mercanti al dimissionario Paolo Rizzi. Raggi rimase però sorpreso osservando i voti ottenuti nel seggio che lui stesso aveva presidiato il giorno delle Elezioni, quello di Borghetto. Secondo Raggi quei voti erano finiti per un errore di trascrizione al collega di lista Francesco Petronzio. Lo stesso presidente di seggio di Borghetto riconobbe immediatamente l’errore formale, ma i dati erano già stati trasmessi e vennero proclamati gli eletti.

Raggi decise immediatamente di fare ricorso al Tar di Parma. Quei 12 voti gli sono poi costati il sorpasso di Bariola, decisivo per l’ingresso in Consiglio comunale tra i banchi dell’opposizione, quando Rizzi si è fatto da parte. La vicenda dal Tar di Parma si è poi spostata anche al Tribunale di Piacenza nell’ottobre 2017. Il Tribunale ha dato l’ok al riconteggio: si è deciso di nominare un perito del Tribunale che a febbraio 2019 ha riaperto e riguardato le schede di Borghetto. I dodici voti in più di Raggi, dopo il conteggio dei voti contenuti nelle buste, c’erano.

A giugno 2019, la pronuncia del Tribunale, che a settembre dello stesso anno ha poi costretto l’ente comunale a pagare le spese a Raggi. Gianluca Bariola-3Ma il Tar di Parma ha poi cambiato la situazione, dichiarando improcedibile il ricorso: Bariola doveva rimanere consigliere comunale.  Tutto ciò perché non è stata impugnata la delibera con il quale il Comune di Piacenza ha surrogato il consigliere comunale Paolo Rizzi.

Raggi non ha mollato e presentato ricorso al Consiglio di Stato. Oggi è arrivata la sentenza: il consigliere - ex “Italia dei Valori”, oggi referente di “Italia in Comune” di Federico Pizzarotti, sindaco di Parma- deve entrare in Consiglio comunale al posto di Bariola. Questo a quasi tre anni dalle elezioni, con due anni di mandato ancora davanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento