«Il Movimento 5 Stelle è vivo ed entusiasta di partecipare alle Regionali»

Presentati sei candidati alle "Regionarie" sulla piattaforma Rousseau: Davoli, De’ Pantz, Aspetti, Boeri, Barile e Rai. Pugni: «Sul territorio non c’erano dubbi, si corre da soli». Rossini: «Né con il Pd, né con la Lega». Dagnino: «Tutte le anime del Movimento remano nella stessa direzione»

Da sinistra: Davoli, De' Pantz, Rai, Boeri, Barile e Aspetti
 

I COMMENTI DEGLI AMMINISTRATORI LOCALI

A fare da padrini ai candidati, gli unici tre eletti del Movimento 5 Stelle nel Piacentino: i consiglieri di Piacenza Andrea Pugni e Sergio Dagnino ed Elena Rossini di Fiorenzuola. «Oggi tutte le anime del Movimento – ha detto Sergio Dagnino - sono unite e remano nella stessa direzione. Siamo qui per ribadire che siamo la “terza linea”, che diffida di chi ha sempre governato la Regione e della destra di Salvini. Molti dei nostri sostenitori si sarebbero trovati in Movimento 5 Stelle 2-3-2difficoltà, senza di noi, a votare qualcuno a queste Elezioni. Faremo una campagna elettorale di contenuti, povera, senza “faccioni sui bus” o sui cartelloni della città». Il candidato presidente ancora non c’è, ma a breve arriverà. «Non è escluso – osserva Dagnino - che venga scelto in base alle preferenze prese su Rousseau».

«Sono contenta che si sia deciso di candidarsi da soli – ha aggiunto la consigliera di Fiorenzuola Elena Rossini - in autonomia. Giusto fare le cose tutti insieme, qua ci sono sei persone che si sono sempre impegnate. Non siamo il Pd, non siamo la Lega. Siamo chiari e andiamo in profondità sui temi. Abbiamo contrastato il Pd in Regione per 5 anni, e siamo diversi dalla Lega che amministra Piacenza e Fiorenzuola, dove siamo all’opposizione. Non ha senso allearci con altri, l’alleanza di Governo nazionale è un’altra cosa, lì non c’erano le condizioni per governare da soli».

«A Piacenza c’è più chiarezza – è il parere di Andrea Pugni - sulla distinzione tra noi e centrosinistra e centrodestra. Qua non ci sono mai stati dubbi. La linea indipendentista a Piacenza non ha mai registrato differenze di vedute. Non mi è piaciuto come è stata gestita la questione della partecipazione elettorale, a livello nazionale e regionale. Non c’è stato coinvolgimento della base sulla decisione, ne è nata una confusione e abbiamo dovuto correre per presentare una lista credibile in tempi brevi. Però questi problemi di ascolto vanno risolti per il futuro. Qui le idee erano chiare da subito: alle Elezioni vogliamo esserci con il nostro simbolo, da soli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elena Rossini e Andrea Pugni 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Due positivi in discoteca e mancanza delle norme anti Covid». Disposta la chiusura del Paradise

  • «Raccontai a Papaleo perché è onesto, Montella era intoccabile. In tanti mancano ancora all'appello»

  • Muore schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi

  • Coronavirus, quindici nuovi casi in un giorno a Piacenza e un decesso

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Schianto in autostrada ad Arezzo, muore 24enne piacentino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento