Il Partito Comunista aderisce alla manifestazione sindacale del 22 ottobre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

La federazione del Partito Comunista Italiano di Piacenza aderisce e partecipa alla manifestazione regionale indetta da CGIL - CISL - UIL che si terrà sabato 22 ottobre a Piacenza. Per ridare dignità a chi lavora, per dire basta alle morti sul lavoro, agli appalti che calpestano i diritti, al caporalato e allo sfruttamento . La situazione del lavoro nel nostro paese è sempre più drammatica, il lavoro non è più un diritto ma viene considerato una merce. Ormai il lavoratore viene trattato come un semplice pezzo di un ingranaggio che può essere sostituito in qualsiasi momento. Disoccupazione, precarietà, condizioni di lavoro sempre più insicure, allungamento dell’età pensionabile, tolgono, a chi vive del proprio lavoro, la  dignità. È il momento di alzare la testa e ricostruire un movimento unito e forte che possa dare speranza di riscatto a tutti i lavoratori. È il momento di dire NO alle politiche liberiste del governo Renzi. È il momento di difendere la Costituzione e lottare per attuarla, come recita la Nostra Costituzione nell’ art.4 “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto…”, lavorare è un nostro diritto. Contro il governo Renzi, per difendere il diritto al lavoro. Il Partito Comunista Italiano insieme ai sindacati, sarà in piazza a Piacenza e invita tutte le lavoratrici, i lavoratori, tutti i cittadini democratici, gli studenti, i pensionati a partecipare.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento