Il Pd: «Il Comune di Piacenza rifiuta un bene confiscato alla mafia»

I consiglieri dem attaccano l’assessore Luca Zandonella: «Il Comune non prende in considerazione l’utilizzo di uno stabile in via Tibaldi»

Il Comune di Piacenza rifiuta un bene confiscato alla mafia pronto per essere utilizzato e per soddisfare le esigenze di spazi. Lo sostengono i quattro consiglieri comunali del Pd di Piacenza, Giorgia Buscarini, Stefano Cugini, Giulia Piroli e Christian Fiazza. «Avvalendosi dell’articolo 6 della lr 24/2003 il comune di Piacenza – spiega il gruppo consiliare Pd - aveva sempre stipulato con la Regione accordi ad hoc sulla sicurezza urbana, siglando protocolli per attuare politiche di prevenzione integrata. Ad oggi nulla è stato fatto in questo senso, nonostante il tema della sicurezza sia stato il cavallo di battaglia della campagna elettorale del centrodestra. A questo si aggiunge il diniego ingiustificato da parte dell’amministrazione alla opportunità offerta dall’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) di avvalersi di uno stabile confiscato alla mafia sito in via Tibaldi 7, grazie a quanto previsto dalla lr 18/2016. Spazi da adibire, per esempio, a soggetti fragili, quelli Gruppo Pd, Piroli Fiazza Cugini Buscarini-2che di sicurezza avrebbero più bisogno. Ci sarebbe stata anche la possibilità di ristrutturare l’appartamento attraverso i fondi regionali messi a disposizione dal Testo Unico sulla Legalità. Opzione che non è stata minimamente presa in considerazione».

«Quindi, ricapitolando, l’assessore Zandonella che parla della sicurezza come prioritaria per il nostro territorio, non sigla gli accordi sulla sicurezza urbana con la Regione; rifiuta un bene confiscato dalla Mafia; parla delle nuove telecamere in arrivo, per le quali sono stati stanziati 200mila euro, ma che sono frutto di azioni intraprese dal Governo precedente (si tratta infatti di risorse stanziate, per il triennio 2017 - 2019, sul fondo speciale previsto dall'art. 5, comma 2-ter, del D.L. n. 14/2017 - c.d. Decreto Minniti sulla sicurezza delle città), così come l’arrivo di 18 nuovi poliziotti in rinforzo alle volanti destinati a Piacenza il prossimo febbraio. Elenco, che ha come fil rouge la sicurezza, a cui si aggiungono i nuovi strumenti forniti agli agenti di polizia locale, previsti dalla legge regionale approvata pochi mesi fa dall’Assemblea legislativa. A questo punto si vorrebbe capire, al di là dei proclami, che cosa l’assessorato stia facendo di sua iniziativa per rendere Piacenza una città più sicura».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbanda con il tir e viene sbalzato dalla motrice: gravissimo camionista

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Dramma della solitudine: trovata senza vita in casa dopo tre mesi

  • Dall'inferno del Covid al ritorno a casa, ecco i vigili del fuoco che hanno vinto il virus

Torna su
IlPiacenza è in caricamento