menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Silvio Bisotti

Silvio Bisotti

Il Pd: «Troppi tentennamenti e tempi lunghi per il nuovo ospedale»

La segreteria del Partito Democratico si rivolge al sindaco: «Il Comune si assuma le sue responsabilità, speriamo che vengano superati gli ostacoli emersi o fatti emergere». Perplessità sulla stima fatta da Barbieri sul costo di acquisizione della Pertite

Anche il Partito Democratico di Piacenza, per voce del segretario provinciale Silvio Bisotti, condivide alcune perplessità sul percorso verso la realizzazione del nuovo ospedale di Piacenza. Preoccupazioni già esternate in Consiglio comunale dal consigliere di “Liberi” Massimo Trespidi. «Il sindaco di Piacenza e presidente della Provincia Patrizia Barbieri – interviene la segreteria dem - con la firma del protocollo d'intesa di oggi certifica formalmente e finalmente di volere un nuovo ospedale per i piacentini. È una buona notizia. L'obiettivo è tanto importante che ci auguriamo convintamente che vengano superati gli ostacoli fino ad ora emersi o fatti emergere». Il Partito Democratico è preoccupato. «Ci riferiamo ai tempi, quasi due anni per arrivare a decidere che l'Ausl stenda un progetto di “prefattibilità”, che peraltro l’Azienda dovrebbe già avere pronto, e faccia una proposta per la destinazione dell'attuale polichirurgico e relativa parte storica. Non era un percorso "scontato" su cui puntare da subito senza tatticismi e tentativi di scaricare responsabilità da parte del Comune nei confronti di Regione e USL? Però una decisione importante il Comune l'ha presa in questi mesi e il protocollo di oggi lo attesta. Ha deciso che le aree pubbliche a suo tempo segnalate non siano idonee e si è assunto la responsabilità di uscire dal protocollo d'intesa che individuava nella caserma Lusignani o nell'ex Pertite le possibili destinazioni per il nuovo ospedale. La città ne ha preso atto».

«L'auspicio è che a questo punto non ci siano più tentennamenti e in particolare che il percorso per individuare l’area privata idonea sia trasparente e lineare e come ha anticipato il Sindaco sia ineccepibile sotto il profilo della convenienza economica rispetto ai possibili costi di un'area pubblica. Perché il confronto sarà inevitabile e non potrà basarsi su cifre annunciate in modo estemporaneo come ha fatto il Sindaco nelle scorse ore, stimando costi per l’utilizzo della ex Pertite in cinque milioni di euro, sulla base non si sa di quali calcoli o stime. Buon lavoro quindi per un'azione sinergica tra le istituzioni coinvolte che, al di là delle maggioranze politiche che le governano, auspichiamo remino tutte nella stessa direzione. Il protocollo prevede tra l’altro l'istituzione di un collegio di vigilanza: ben venga, sarà lo strumento di garanzia per i cittadini. Noi faremo la nostra parte in città e laddove i cittadini ci hanno eletti a rappresentarli».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lavoro domestico, 500 domande per sanatoria da Cgil e Cisl: «Stallo di mesi per iter rigido, a rimetterci sono le più fragili»

Attualità

La partenza del Giro entusiasma piazza Cavalli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento