Immigrati: serve investire sull'integrazione

Sono giovani, concorrono a produrre ricchezza e pagano le tasse. Sono gli immigrati regolari, che a Piacenza sono oltre il 10% della popolazione. Di loro, si è discusso al Forum provinciale dell'Immigrazione. Considerare solo la sicurezza è riduttivo, ha detto Boiardi. Qui servono politiche di integrazione. Ma solo per chi rispetta le regole

Sono una risorsa fondamentale per Piacenza e per il Paese: per la loro giovane età che svecchia la popolazione italiana, perchè con il lavoro regolare concorrono alla formazione del Pil, perchè attraverso le tasse forniscono alla comunità piacentina 60 milioni di euro. Sono gli immigrati, di cui si è discusso al Forum provinciale dell'immigrazione tenutosi nel palazzo della Provincia sabato scorso.

Ingiustamente calunniati (solo l'1% ha avuto problemi con la giustizia), gli immigrati regolari detengono in città un buon primato. Secondo il rapporto del Cnel, il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, Piacenza è al settimo posto nella classifica nazionale dell'integrazione. Lo ha ricordato l'assessore regionale alle Politiche per l’Immigrazione Anna Maria Dapporto. Un risultato apprezzato, soprattutto per l'impegno delle istituzioni a promuoverne l’inclusione sociale, con iniziative tese a facilitare l'apprendimento della nostra lingua, a favorire una piena coesione sociale e a contrastare razzismo e discriminazioni.
  Il tema dell'immigrazione ha molte facce, chi considera solo la sicurezza è fuori strada  

Ma integrazione non fa rima solo con sicurezza, ha sottolineato il presidente della Provincia Gianluigi Boiardi: “il tema dell'immigrazione ha molte facce, considerarne solo una, la sicurezza, significa andare fuori strada. Immigrazione non vuol dire sicurezza, vuol dire lavoro, aiuto, arricchimento reciproco”. Boiardi si è detto preoccupato per la “mancanza di cultura che vede nella repressione, e non nelle regole, lo strumento di mantenimento dell'ordine pubblico”.

Ovviamente la sicurezza è prioritaria, ha ribadito il presidente e “la politica dell'accoglienza vale per chi accetta le regole della convivenza civile”. Il Prefetto Luigi Viana, dal canto suo, ha evidenziato la duplicità della sfida: “contrastare l'irregolarità e sviluppare politiche di integrazione e inclusione sociale dei cittadini stranieri regolarmente soggiornanti”.

E al Forum si è discusso anche del portale web dedicato all'immigrazione, che l'amministrazione sta attivando all'interno del circuito Retepiacenza. “Occorre rendere efficaci i meccanismi di integrazione tenendo conto del rapporto tra bisogni formativi e bisogni occupazionali, abitativi e sanitari degli immigrati” ha continuato il Prefetto nel suo intervento; “il binomio regolarità - integrazione può essere validato solo dalle risposte che le Istituzioni sapranno dare”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento