«Immigrati clandestini al caldo, studenti piacentini al freddo nelle aule»

È la denuncia del Movimento Studentesco Padano, che farà volantinaggio negli istituti superiori di Piacenza per protestare contro lo stato di deterioramento nel quale versano alcune scuole

«Immigrati clandestini al caldo, studenti piacentini al freddo nelle aule». È la denuncia del Movimento Studentesco Padano, che a partire dal 15 gennaio farà volantinaggio negli istituti superiori di Piacenza per protestare contro lo stato di deterioramento nel quale versano alcune scuole.

«È inammissibile – punta il dito Marvin di Corcia, coordinatore Msp Emilia – che parecchi studenti della città passino la loro giornata in edifici freddi e degradati che non sarebbero tollerati in nessun altro paese che ha la pretesa di considerarsi civile. Per questo chiediamo che la Provincia s’impegni a sistemare, con manutenzione straordinaria e fin da subito,i termoconvettori e gli impianti di riscaldamento non funzionanti. Inoltre, venga regolato il funzionamento dei termosifoni, i quali, in diverse scuole, vengono lasciati a basse temperature in inverno e alzati inspiegabilmente in mesi caldi».

Interviene anche Thomas Trenchi, coordinatore provinciale Msp, che invita gli studenti piacentini a riferire disservizi di questo tipo attraverso la pagina Facebook del movimento. «Abbiamo ricevuto – afferma Trenchi - numerose segnalazioni da parte di ragazzi che trascorrono sei ore indossando sciarpe e cappotti, o che chiudono gli spiragli delle finestre con cuscini e spugne, o ancor peggio, costretti a portarsi da casa la stufa elettrica. Tutto ciò mentre gli immigrati clandestini che richiedono asilo vengono coccolati in hotel, agriturismi e villette private. Chiediamo dunque agli studenti di comunicarci i loro disagi, augurandoci una loro partecipazione attiva per cambiare le cose». Il volantinaggio proseguirà sabato e nei prossimi fine settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento