«Incita alla violenza contro le donne, non vada a Sanremo»

Pisani (Lega) e altri due membri della Commissione di inchiesta parlamentare contro il femminicidio: «La magistratura ravvisi eventuali reati. La Rai e Amadeus si scusino con le donne»

Pisani

«Oltre allo stop immediato alla partecipazione dello pseudo artista sarebbe utile far sì che intervenga la magistratura per valutare se, nel comportamento del cantante e di chi ha permesso la sua partecipazione allo spettacolo, si possa ravvisare qualche ipotesi di reato». Lo afferma Pietro Pisani, senatore della Lega e membro della commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio di Palazzo Madama. Pisani poche settimane fa aveva portato in Commissione un documento che gli era stato consegnato a un convegno sulla violenza di genere, a Piacenza, dopo il brutale omicidio di Elisa Pomarelli, uccisa nell'agosto 2019 da un amico che si era innamorato di lei.

Pisani, con i colleghi Gianfranco Rufa, segretario della Commissione, e Marzia Casolati scende in campo contro il rapper Junior Cally, in gara a Sanremo. Il rapper era finito nel mirino per un testo di tre anni fa che incitava al femminicidio e parlava di violenza sessuale definendo “troia” una ragazza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre senatori hanno chiesto di escludere il cantante: «Nessun spazio a chi farnetica, a chi, per un uso squisitamente commerciale, non si ferma nemmeno davanti al dolore di tante donne che non si sono potute difendere, pagando con la propria vita, e di tantissime altre che quotidianamente vivono il calvario e  non riescono a svincolarsi da chi le considera solo un oggetto». Secondo i membri della Commissione anche la Rai e Amadeus (conduttore del Festival) dovrebbero rispondere «alle donne con un atto di coraggio e di implicite scuse dopo una gaffe simile: nessuno spazio a chi umilia le donne».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento