Infrastrutture, la Regione: «Già operativo il tavolo regionale per la ricognizione delle opere»

Il sottosegretario alla presidenza Manghi: «Tutto il territorio sta facendo la sua parte. Ora ci auguriamo che anche lo Stato ci comunichi la situazione delle proprie strutture. A breve avremo la fotografia dei manufatti più sensibili»

Il ponte di Bobbio

“Lo abbiamo già detto ieri, ma lo ripetiamo volentieri per i consiglieri M5S, che forse si sono distratti: il tavolo regionale per la ricognizione del patrimonio infrastrutturale, con particolare attenzione ai ponti, è già attivo e operativo. Lunedì 27 ci siamo riuniti con Anci e Upi, abbiamo condiviso un metodo ed è già stata inviata la comunicazione ai Comuni. La Regione c’è ed è a fianco dei territori per garantire la sicurezza delle sue strade e dei suoi ponti”.

Così il sottosegretario alla Presidenza, Giammaria Manghi, torna sulla polemica innescata dalla consigliera regionale Piccinini che chiedeva un summit sulle opere dell’Emilia-Romagna.

“Nonostante il Governo ci abbia dato tempi e modalità di lavoro assolutamente inadeguati- prosegue Manghi- abbiamo comunque già iniziato il lavoro come richiesto dal ministero dei Trasporti e a breve renderemo noti i risultati. Ora però chiediamo al ministero e al Governo altrettanta solerzia sulle infrastrutture presenti nella nostra regione che fanno capo allo Stato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento