Iniziative per Verdi, Busseto: «Il maestro è di tutti, ben vengano eventi di Piacenza»

Dopo il voto unanime del Consiglio comunale di Piacenza, arriva un messaggio degli amministratori di Busseto: «A Parma molte iniziative, Piacenza fa bene a riscoprire i suoi luoghi verdiani»

Giuseppe Verdi

Piacenza vuole impegnarsi di più per ricordare nel corso di quest'anno Giuseppe Verdi e il Comune di Busseto ne è felice. Dopo l’ordine del giorno al Consiglio comunale di Piacenza – presentato da Antonio Levoni (Liberali Piacentini) e votato all’unanimità nei giorni scorsi – che chiedeva più vigore nel ricordare Verdi e la sua piacentinità nel corso delle iniziative per Parma Capitale della Cultura 2020, l’Amministrazione bussetana accoglie favorevolmente questa volontà. A dare notizia della replica parmense è un articolo, a firma Paolo Panni, sul quotidiano “Gazzetta di Parma” (che citiamo come fonte, anche se lo stesso rispetto non è stato riservato al lavoro di questa testata che aveva riportato per filo e per segno il dibattito consiliare piacentino, poi "ripreso" dalla Gazzetta). A Piacenza, seppure con molti distinguo, tutti d’accordo: bisogna fare di più per ricordare Giuseppe Verdi, proprio nell’anno di Parma Capitale della Cultura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Fa piacere che i cugini piacentini – avrebbe dichiarato il sindaco di Busseto Giancarlo Contini alla Gazzetta - scoprano la vera origine di Verdi, ma non Antonio Levoni-3dobbiamo dimenticarci di quanto è stato fatto a Parma e Provincia in questi anni con il Festival Verdi e tutte le iniziative correlate. La mamma di Verdi era piacentina e ha conosciuto il papà Carlo a Saliceto, poi si sono trasferiti alle Roncole dove Verdi è nato e ha mosso i primi passi nel mondo della musica. Senza dimenticare la Villa di Sant’Agata». «Certo - ha aggiunto l’assessore al turismo Marzia Marchesi, che ricalca un po’ l’intervento fatto dal capogruppo Pd Stefano Cugini - che Verdi è piacentino. Verdi è piacentino come è parmense, come è milanese, francese ed italianissimo. Verdi è del mondo, perché Verdi stesso scelse il mondo come casa. Il più cosmopolita del suo tempo, come sempre avanti a tutti. Anche di molti nostri contemporanei. Verdi è di ogni città che decide di celebrarlo nei grandi teatri come nelle piccole ricorrenze che sia un solo giorno all’anno o con grandi apparati come il Festival Verdi. Busseto è lì a ricordarlo, Verdi è nostro, cioè di tutti quelli che lo amano. Sono certa che Piacenza saprà fare passi importanti, ora, per ridare vita ai suoi luoghi verdiani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento