All’Ausl di Piacenza sono il 77%

Interruzioni di gravidanza volontarie, «Situazione allarmante per altissimo numero di obiettori»

Europa Verde ha depositato un’interrogazione in Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna per chiedere alla Giunta chiarimenti sul diritto all’Igv nelle strutture sanitarie della regione

Il Gruppo Europa Verde ha depositato un’interrogazione in Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna per chiedere alla Giunta regionale chiarimenti sul diritto all’interruzione di gravidanza nelle strutture sanitarie della regione, considerando che in numerosi ospedali la percentuale di ginecologi e anestesisti obiettori di coscienza oscilla tra il 60% e il 100%. A Piacenza - secondo l'ultimo report report messo a punto dall’assessorato regionale alle Politiche per la salute - sono il 77%.

«In Italia, secondo quanto previsto dalla Legge n. 194 del 1978 - riporta la nota stampa di Europa Verde - si può richiedere nelle strutture sanitarie autorizzate l'intervento di interruzione volontaria di gravidanza entro i primi 90 giorni di gestazione per motivi di salute, economici, sociali o familiari. La relazione 2021 redatta dal Ministero della Salute sull’attuazione della legge 194, con dati consolidati per il 2019 e dati preliminari per il 2020, evidenzia gli alti numeri di obiettori di coscienza in Italia tra i ginecologi (67%), anestesisti (43,5%) e personale non medico (37,6%). Tali dati, come ha denunciato la campagna #datibenecomune che raccoglie 262 organizzazioni della società civile italiana, sono espressi in valore aggregato assoluto e percentuale, e non in formato aperto e disaggregato come invece la pubblica amministrazione dovrebbe garantire seguendo le indicazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale.

«Lo scorso novembre ho inviato una richiesta agli uffici regionali per conoscere i dati disaggregati aggiornati al 2021 relativi al numero delle dichiarazioni di obiezione/non obiezione di coscienza rilasciate (ai sensi dell’art.9 della legge 194/78) dai dipendenti in servizio nei reparti di Ginecologia e Ostetricia dei Presidi Ospedalieri, delle Aziende Sanitarie, dei distretti e nelle strutture consultoriali su tutto il territorio regionale» afferma Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna. «In risposta a questo atto ispettivo, la Direzione generale Cura della persona, salute e welfare mi ha trasmesso solo alcuni dei dati e, ad eccezione dell’Asl di Reggio Emilia, in forma aggregata assoluta e percentuale, anziché in forma disaggregata come avevo richiesto. Seppur parziali e incompleti, questi dati evidenziano una situazione allarmante a causa dell’altissimo numero di obiettori di coscienza tra ginecologi e anestesisti in tutta la regione che rischia di pregiudicare l’accesso ad una assistenza prevista per legge. Alla Ausl di Piacenza il 77% dei ginecologi è obiettore, nella Ausl di Ferrara il 69%, nella Aou di Parma il 62,5%, nelle Aou di Modena e Ferrara il 52,9 %, nella Aou di Bologna il 47,5%, nelle Ausl Romagna e Parma in media il 43%. Per quanto riguarda gli anestesisti, nella Ausl di Piacenza il 61,5% è obiettore e nella Ausl di Parma lo è il 64,5%».

«A conferma di questo quadro preoccupante - aggiunge la nota stampa - è stata pubblicata di recente una mappatura a cura di un gruppo di Coordinamento di associazioni di donne da cui risulta che nelle province di Bologna e Ferrara gli ospedali con le più alte percentuali di ginecologici obiettori sono il Sant’Orsola di Bologna, dove lo è il 71,05 %, e l’ospedale di Cento con il 66,7%. Nella provincia di Modena e nell’ospedale di Mirandola i ginecologici obiettori sono il 60%, nell’ospedale di Pavullo e di Sassuolo sono il 50%. In Romagna, nell’ospedale degli Infermi di Faenza sono il 66,7%, mentre gli anestesisti obiettori raggiungono il 76,92%. Nella provincia di Reggio Emilia la struttura ospedaliera di Guastalla ha il 100% di ginecologi obiettori mentre quella di Castelnuovo né Monti ha il 100% di anestesisti obiettori».

«Le diverse amministrazioni regionali che si sono succedute in Emilia-Romagna hanno sempre ribadito il proprio impegno nella difesa e piena applicazione della Legge 194/78, riconoscendone il valore sociale e sanitario, civile e politico. La decisione di interrompere una gravidanza non è mai presa a cuor leggero ed è pertanto necessario che la sanità pubblica eviti di renderne ancora più pesante l’impatto psicologico opponendo ostacoli all’accesso all’assistenza prevista per legge, in aggiunta all’iter burocratico da affrontare. In tal senso - conclude la consigliera Zamboni - alla luce dei dati succitati, chiediamo alla Giunta di chiarire se e come intenda garantire il rispetto del diritto delle donne all’interruzione volontaria di gravidanza gratuita, medicalmente assistita e sicura in tutte le strutture sanitarie della regione. Al contempo chiediamo che venga garantito l’accesso completo ai dati sulla presenza di obiettori (ginecologi, anestesisti e personale non medico) disaggregati per ogni singola azienda sanitaria, struttura ospedaliera e consultorio familiare autorizzati a svolgere l’Interruzione volontaria di gravidanza, prendendo come modello l’Ausl di Reggio Emilia che rende disponibili tali dati in forma disaggregata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interruzioni di gravidanza volontarie, «Situazione allarmante per altissimo numero di obiettori»
IlPiacenza è in caricamento