rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Politica

Quagliaroli sulle mafie nel nord: «La politica collabori con le forze dell'ordine»

Il Movimento 5 Stelle ha chiesto una commissione speciale d'inchiesta per fronteggiare il problema delle infiltrazioni della criminalità organizzata nel nord

Giovedì 5 marzo Mirta Quagliaroli, il capogruppo del Movimento 5 Stelle di Piacenza, era presente al convegno "Proiezioni delle mafie al Nord". «Rilevante l’intervento del Prefetto di Piacenza, Anna Palombi, che dichiara che la situazione nella nostra realtà è sotto controllo - si legge in una nota di Mirta Quagliaroli -.  Quello che vorrei evidenziare è stato l’intervento dell’Assessore Regionale Massimo Mezzetti che ha più volte ripetuto, parlando esplicitamente delle forze politiche in regione, che quest'ultime chiedono commissioni speciali d’inchiesta senza capire e conoscere le funzioni e gli strumenti a disposizione della regione stessa. Ha tacciato i partiti che chiedevano di costituire tale commissione speciale come incompetenti e ha parlato di sottovalutazione del problema dichiarando che serve maggiore scambio di informazioni, conoscenza e strategie coordinate tra i vari soggetti, anche politici. 
Noi del M5S abbiamo sostenuto e richiesto con forza l’istituzione di una commissione speciale d’inchiesta, commissione tra l'altro prevista dallo statuto regionale e già istituita in Lombardia e Campania (in quest'ultimo caso, commissione Anticamorra). Pensiamo infatti che, oltre che fattibile, sia uno strumento politico tra i più efficaci per avere una maggiore conoscenza e informazione del problema delle infiltrazioni mafiose. Uno strumento - continua la Quagliaroli - che permetterebbe di far lavorare insieme politici di maggioranza e opposizione, uniti nell'intento di migliorare il nostro bene comune. Una commissione per condividere informazioni, strategie, strumenti e possibilità di intervento affinché si possa risolvere il problema, non abbandonando a se stesse le forze di polizia che potrebbero così concentrarsi efficacemente "solo" sulle indagini. Crediamo che gli strumenti necessari ad aiutare e rafforzare l’azione delle forze dell’ordine siano di competenza anche e soprattutto della politica. Quindi, quale migliore occasione di divulgazione, di studio e analisi di una commissione ad hoc? 
Il Pd, che governa la regione da tantissimi anni, dichiara, per bocca dei suoi rappresentanti, di essere stato superficiale e di avere sottovalutato il problema; quindi condividere l’impegno può essere un buon metodo per iniziare un proficuo lavoro comune. Non crede assessore Mezzetti?». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quagliaroli sulle mafie nel nord: «La politica collabori con le forze dell'ordine»

IlPiacenza è in caricamento