Invaso Brugneto, Foti: "Rivedere la convezione per un rilascio supplementare in estate"

”La concessione dell'invaso del Brugneto, nel piacentino, che include l'impegno a rilasciare defluire in alveo 2,5 milioni di metri cubi di acqua nel periodo che va daI 16 maggio al 15 settembre di ogni anno, ha scadenza nel 2024 per l'uso idropotabile, mentre per l'uso idroelettrico secondario la scadenza era prevista per il 2014”,

”La concessione dell'invaso del Brugneto, nel piacentino, che include l'impegno a rilasciare defluire in alveo 2,5 milioni di metri cubi di acqua nel periodo che va daI 16 maggio al 15 settembre di ogni anno, ha scadenza nel 2024 per l'uso idropotabile, mentre per l'uso idroelettrico secondario la scadenza era prevista per il 2014”, a segnalarlo è il consigliere regionale piacentino
Tommaso Foti (FdI) in una risoluzione dove cita il disciplinare di concessione del 15 ottobre 1990, in cui, “in ragione delle riconosciute ricadute della diga del Brugneto sull'andamento delle portate del fiume Trebbia, di cui il torrente Brugneto è affluente”, si prevedono condizioni di esercizio della diga che tutelino i diritti pregressi delle utenze irrigue piacentine.
Il consigliere di Fratelli d'Italia ricorda che ”dal 1990 a oggi la disponibilità della risorsa del bacino del Trebbia avrebbe subito modifiche che avrebbero causato criticità per l'irrigazione delle colture agricole della valle piacentina” e sottolinea che ”per la convenzione stipulata il 12 luglio 2013 tra la Regione Emilia-Romagna, la Regione Liguria e la società Mediterranea delle Acque spa, relativa al maggiore rilascio di acqua dall'invaso del Brugneto nel periodo estivo, prevede che per un triennio, dal 16 maggio al 15 settembre, sia possibile una maggiorazione del deflusso di acqua dall'invaso del Brugneto al fiume Trebbia per un volume "sino" a 1,5 milioni di metri cubi.”
Sulla base della richiesta avanzata dalla nostra Regione,- scrive
Foti- la società Mediterranea delle Acque spa, incaricata dal Comune di Genova ad attuare il rilascio, dopo aver verificato la consistenza delle scorte idropotabili, può oggi provvedere a lasciar defluire il volume d'acqua di volta in volta compatibile con le reali eccedenze presenti nell'invaso.
Quindi,- aggiunge l'esponente di FdI- la quantità d'acqua rilasciata in più non sarà per forza "pari" a 1,5 milioni di metri cubi, ma potrà arrivare "sino" a tale quantità, risultando anche di gran lunga inferiore o addirittura pari a zero qualora, alla richiesta di rilascio avanzata dalla Regione Emilia-Romagna, dovesse seguire il rifiuto da parte della società incaricata al rilascio, in quanto la convenzione concede a quest'ultima ogni decisione in merito.
La risoluzione di Foti impegna quindi la Giunta regionale a definire con la Regione Liguria i contenuti e le procedure per il rinnovo della concessione riferito all'uso idroelettrico a oggi scaduta e a richiedere, in sede di eventuale rinnovo della convenzione stipulata il 12 luglio 2013, che il rilascio supplementare di acqua, nel caso in cui sia formulato dalla Regione Emilia-Romagna, risulti pari a 1,5 milioni di metri cubi e, in ogni caso, che la decisione sul deflusso supplementare di acqua sia preceduta da una valutazione congiunta da parte della Regione Emilia-Romagna e della Società Mediterranea delle Acque spa e non solo lasciata alla discrezionalità di quest'ultima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento