menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iren, Foti (Fd’I): «La semestrale conferma un indebitamento mostruoso»

"Non è tutto oro quel che luccica" secondo il consigliere di Fratelli d'Italia, che chiede al Comune di Piacenza quali iniziative intende prendere per "evitare un peggioramento"

“Se è vero che la semestrale del gruppo Iren è stata presentata, nei giorni scorsi, all’insegna di un elevato ottimismo da parte del management del gruppo che evidenzia margini ed utili in crescita, altrettanto vero è che gli azionisti – a partire dal comune di Piacenza – dovrebbero preoccuparsi dell’indebitamento della società che continua a fare paura” lo afferma il consigliere comunale Tommaso Foti in un’interrogazione rivolta al Sindaco Dosi.

Nel documento presentato il consigliere di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale evidenzia come “il fatturato complessivo perde 1'1,5%, nonostante le acquisizioni di Trm e Atena: davvero un pessimo segnale, dati i consistenti investimenti effettuati e che pesano significativamente sul bilancio”. “Quanto al margine operativo – aggiunge Foti - esso è effettivamente aumentato, ma non certo per l'efficientamento della struttura. I costi fissi, infatti, non si sono affatto ridotti: Iren ha beneficiato semplicemente del cosiddetto "spark-spread", in parole povere il margine è interamente dovuto ai minori costi di acquisto, dunque a fattori contingenti e non di lungo periodo”

“La semestrale di Iren – sottolinea il consigliere di FdI – ci dice purtroppo, ma nessuno si guarda bene di preoccuparsene, che l'indebitamento finanziario netto al 30 giugno è aumentato di oltre il 17%, attestandosi a oltre 2.544 milioni. Un dato spaventoso, confermato dal 20 % di oneri finanziari netti del periodo (con gli attuali tassi di mercato) e se si considera che la posizione finanziaria effettiva deve essere rettificata con la parte di credito finanziario verso il Comune di Torino (120 milioni) e quella verso Iren rinnovabili (oltre 30 milioni)”. “Se al detto indebitamento si aggiungono i 439 milioni di credito incagliato verso Olt Offshore LNG Toscana Spa si raggiunge la cifra record di 3.133 milioni di euro, più del fatturato che maturerà a fine anno. Un dato spaventoso - aggiunge Foti – che appare in decisa crescita e fuori controllo”.

L’esponente di Fratelli d’Italia chiede, quindi, al sindaco Dosi “se detti dati siano noti alla giunta comunale e quali iniziative intenda assumere al riguardo il comune di Piacenza, azionista di Iren, per evitare un peggioramento della situazione sopra rappresentata.”“Insomma - per Foti - non è tutto oro quel che luccica in Iren”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento