menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto web

Foto web

Islam, Movimento studentesco padano: «A scuola si studi Oriana Fallaci»

Marvin Di Corcia (Movimento Studentesco Padano): «Le idee di Oriana Fallacci sull'Islam non sono mai stati tanto attuali. Per questo la diffusione dei suoi scritti nelle scuole aiuterebbe le nuove generazioni a capire i rischi che corre l'Occidente»

«Le idee di Oriana Fallacci sull'Islam non sono mai stati tanto attuali. Per questo la diffusione dei suoi scritti nelle scuole aiuterebbe le nuove generazioni a capire i rischi che corre l'Occidente»: lo sostiene il coordinatore nazionale del Movimento Studentesco Padano (Msp), il piacentino Marvin Di Corcia, che annuncia un volantinaggio nei pressi degli istituti superiori di Piacenza per proporre l'adozione di alcune opere della giornalista fiorentina. Il sit in è previsto nelle mattinate di venerdì 11 e sabato 12 dicembre.
«Alla luce degli attentati di matrice islamica avvenuti nelle ultime settimane a Parigi, Bamako e San Bernardino – spiega Di Corcia - la Fallaci sta perdendo e perderà buona parte di quella stigmatizzazione politico-culturale che l'ha accompagnata dall'inizio degli anni Duemila. È in questo senso che nei prossimi giorni chiederemo che le scuole introducano i suoi libri per informare i giovani sull'imminente disastro al quale va incontro la nostra società».

«Contemporaneamente – prosegue - auspichiamo che non vengano rimossi i crocifissi presenti nelle aule e che vengano ricollocati quelli mancanti. Ciò deve essere attuato con altre misure esterne al mondo scolastico, si pensi alla chiusura delle moschee non a norma, quale quella di via Mascaretti a Piacenza, e a maggiori controlli su quelle riconosciute delle autorità. Non è infatti presenziando a cene ed incontri che si legittima ciò che non rispetta le leggi».
Sulla proposta interviene anche il coordinatore provinciale del MSP, Thomas Trenchi: «Ultimamente – sostiene – sono sempre di più i ragazzi che vogliono modificare una scuola schierata ideologicamente e lontana dalle loro reali necessità. Un cambiamento potrebbe essere l'introduzione di alcuni libri della Fallaci nell'offerta formativa, in quanto trattano di un tema di primo piano quale quello della libertà. Già alcuni decenni fa l'autrice denunciò situazioni ancora al centro del dibattito, come la prigionia delle donne in Medio Oriente in "Il sesso inutile", l'inutilità e l'orrore di certe guerre in "Niente e così sia", l’oppressione della dittatura in "Un uomo", la pericolosità dell’Islam, da cui nascono i fondamentalismi, in "La rabbia e l'orgoglio" e "La forza della ragione". Purtroppo, dai tempi della pubblicazione di ciascuno di essi la situazione è peggiorata. Compito della scuola dovrebbe essere quello di trasmettere il coraggio che traspare dagli scritti della Fallaci, testi che danno speranza e forza per lottare ed affrontare il presente».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento