Tarasconi: «Perché Renzi e Reggi sono un’opportunità per il Paese»

L'assessore comunale Katia Tarasconi renziana convinta interviene con una nota sul ballottaggio di domenica 2 dicembre tra Bersani e Renzi:

L'assessore comunale Katia Tarasconi renziana convinta interviene con una nota sul ballottaggio di domenica 2 dicembre tra Bersani e Renzi:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Domenica prossima si tornerà a votare per designare, tra Matteo Renzi e Pierluigi Bersani, il candidato premier del Centrosinistra. Mi piacerebbe, tra le tante voci che si intrecciano in questi giorni a sostegno dell’uno o dell’altro, poter spiegare perché scegliere Renzi significa dare un’opportunità importante al nostro Paese. Credo che il modo migliore per farlo, rivolgendomi ai piacentini, sia ricordare che tra i più stretti collaboratori del sindaco di Firenze c’è chi, negli ultimi dieci anni, ha guidato la nostra città in un'evoluzione che l’ha resa più bella, vivibile, aperta: Roberto Reggi. A unirli non è solo l’esperienza amministrativa, ma l’impegno e l’ampiezza degli orizzonti con cui l’hanno sempre affrontata, la capacità di dare radici solide ai loro progetti, la concretezza della loro visione politica. Siamo di fronte a due persone che non fanno promesse elettorali, ma parlano un linguaggio nuovo: quello della gente che entrambi sono abituati, da tempo, ad ascoltare ogni giorno. Quando dicono che l’innovazione e la semplificazione della burocrazia sono prioritarie per il futuro, hanno in mente ciò che già hanno realizzato nei loro Comuni. Quando sostengono che il lavoro va difeso e valorizzato, sono consapevoli non solo del peso delle grandi aziende che sono in prima pagina sui giornali, ma del ruolo vitale delle piccole e medie imprese del territorio. Quando riaffermano il valore della democrazia e della partecipazione, hanno alle spalle percorsi di condivisione e dialogo con la collettività cui non si sono mai sottratti. E’ troppo facile, come qualcuno ha voluto fare nelle scorse settimane, ridurre il confronto interno al Pd a una presunta contrapposizione tra “giovani” e “vecchi”, confondendola poi al problema – che peraltro esiste, in Italia, in tutti i settori – del ricambio generazionale. Credo che tanti nostri concittadini possano concordare con me nel riconoscere, a Roberto Reggi, una sensibilità particolare nei confronti degli anziani, della tutela dei loro diritti e delle loro esigenze. Essere un sindaco giovane non gli ha certo impedito, in questi anni, di adoperarsi per una comunità che fosse più a loro misura, che non li lasciasse soli. Potrà sembrare superfluo ribadirlo, ma c’è chi non ha esitato, nella ricerca di preferenze, a far passare un messaggio distorto e sbagliato, secondo il quale nel programma del “rottamatore” Renzi non ci sarebbe spazio per chi ha i capelli bianchi. Non è così. Forse la schiettezza e la determinazione di Matteo Renzi, così come di Roberto Reggi, non sono rassicuranti come può apparire una certa politica alla quale siamo abituati e di cui, tuttavia, un numero crescente di persone è stanco. Oggi abbiamo l’occasione di attuare quella trasformazione nella quale speriamo in tanti e di cui il Paese ha più che mai bisogno, dando la possibilità di governare a chi ha già dimostrato, con i fatti, di avere competenze e passione, ma anche il coraggio di assumere – quando occorre – decisioni impopolari. Nella consapevolezza che fare politica non è una questione d’immagine, né consiste nel tentativo di piacere a tutti, magari facendosi scudo di ideali come la mediazione e la condivisione. La buona politica, secondo Matteo Renzi e Roberto Reggi, è quella della coerenza, quella che non ha paura di scontentare qualcuno per perseguire, realmente, il bene comune. A chi, domenica prossima, è incerto sul nome da indicare, chiedo di riflettere su un solo aspetto: cambiare non è sinonimo di distruggere o di accantonare ciò che di buono c’è già, ma significa ricominciare, con energia ed entusiasmo, a costruire qualcosa di nuovo».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento