«L’area della Farnesiana non è la più comoda per la viabilità»

I proprietari dell’area di La Verza-Strada Valnure contestano le motivazioni indicate dalla Giunta per la scelta: «La nostra proposta sottovalutata dalla politica. Superficie minimizzata, con due bretelle spostavamo il traffico da Valtrebbia e Valnure»

nella foto, l'area tra strada Valnure e La Verza

«La politica si prenda le sue responsabilità sulla scelta dell’area del nuovo ospedale, ma non si dica che la soluzione scelta sia la migliore per quanto riguarda la viabilità e il collegamento con la tangenziale di Piacenza». Escono allo scoperto solo ora, a poche ore dall’annuncio della Giunta Barbieri, che ha indicato come preferita per ospitare il nuovo ospedale l’area n.6 della Farnesiana, i i proprietari dei terreni dell’area La Verza-strada Valnure, una delle sei ipotesi per ospitare il nosocomio. Non sono voluti intervenire fino ad oggi - «Siamo stati zitti per non influenzare» - ma rigettano e rispediscono al mittente le motivazioni indicate dall’Amministrazione per la scelta dell’area 6, di proprietà dell’Opera Pia Alberoni e dell’azienda agricola “Novate”.

Fu proprio il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri ad annunciare, diversi mesi fa, la possibilità di costruire l’ospedale nell’area Valnure-La Verza. Al primo cittadino inizialmente piacque l’ipotesi. L’idea, piano piano, si è allontanata dalle papabili. «C’è una bella differenza tra le proposte emerse per ospitare l’ospedale – spiegano i quattro proprietari, “Immobiliare Torricella”, “Barabaschi", le famiglie Labati-Lavezzi, “Piacenza Petroli” –, e non ci convincono per niente le motivazioni che stanno portando alla scelta della Farnesiana».

«La nostra è un’area di ben 320mila metri quadrati, una disponibilità maggiore rispetto alle altre. La reale superficie disponibile è sempre stata minimizzata dal tavolo tecnico e politico. Si è detto che la macro-area La Verza-Valnure portava con sé evidenti problemi urbanistici e di viabilità, cosa completamente falsa. È vero che la rotonda per la Valtrebbia già oggi presenta criticità, ma con lo spazio a disposizione nei 320mila metri di questa macro-area, c’era eccome la possibilità di realizzare due bretelle per far deviare verso il nuovo ospedale parte del traffico della statale 45 Valtrebbia e della strada provinciale Valnure 654. Dato che questo non sarà l’ospedale cittadino, ma provinciale, crediamo che soprattutto tutti i comuni di Valnure e Valtrebbia avrebbero potuto appoggiare questa proposta, che fa risparmiare tempo e fatica ad ambulanze e pazienti per raggiungere il nosocomio. Scendendo dalle vallate si troverebbe l’ospedale alle porte della città, anzi, appena prima. Ma, stranamente, sono stati molto silenti sul tema».

I proprietari si dichiarano esterrefatti dal dibattito emerso e dalle valutazioni tecniche e politiche. «Non sappiamo perché è stata così sottovalutata l’area di La Verza, soffermandosi al possibile “imbuto” di auto alla rotonda per la Valtrebbia. Con 320mila metri quadrati, non solo è tutto migliorabile, ma avanzano anche spazi per essere sviluppati in futuro. E, sempre parlando di questioni tecniche, era comunque migliore l’area 5 di “Podere Cascine”: quantomeno si copriva un buco vuoto già edificabile in città, all’interno del perimetro della tangenziale. Gli industriali ritenevano migliore Podere Cascine all’area n.6». La questione degli spazi a disposizione per il futuro – tra 20, 30 o 40 anni – non è marginale. «Ricordiamoci dell’attuale ospedale, costruito in centro, che “cammin facendo” ha scoperto di non avere più spazi interni e parcheggi per gli utenti. Non si può sapere cosa potrà servire nel futuro, deve essere garantita la possibilità di avere margini». I quattro proprietari non ci stanno. «La politica preferisce l’area numero 6? Benissimo. Ma non si giustifichi questo accordo parlando di “migliore viabilità”. Tutto questo è ingiusto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Si è costituito il conducente che ha travolto e ucciso Andrea Ziotti

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Centri commerciali chiusi nel fine settimana

  • Esce illeso dall'auto in fiamme ma vede in cenere la sua Dallara da 200mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento