L’ex grillino Gabbiani entra in Fratelli d’Italia: «Basta utopie, meglio un partito tradizionale»

Il già consigliere comunale dal 2012 al 2017 ufficializza il suo approdo nel partito di Giorgia Meloni: «Il Movimento è solo un’accozzaglia di personaggi, bisogna tornare a fare politica sul serio, non con un logo e un portale». Fratelli d'Italia apre le porte: dati in arrivo anche Callori e Colosimo

Andrea Gabbiani. Nella foto sotto, con Filippo Bertolini

La sessione invernale del calciomercato è terminata lo scorso 31 gennaio, ma nella politica locale c’è sempre tempo per cambiare casacca e approdare in una squadra che si adatta meglio alle proprie caratteristiche. Era nell’aria – ilPiacenza.it lo aveva intuito all’indomani dal suo addio al Movimento 5 Stelle – ma è stato ufficializzato soltanto in questi giorni, il passaggio di Andrea Gabbiani in Fratelli d’Italia. L’ex consigliere comunale grillino (dal 2012 al 2017) è entrato a far parte come semplice militante del partito di Giorgia Meloni, che vede la sua guida locale nel deputato Tommaso Foti: la Bertolini e Gabbiani-2truppa meloniana può contare anche su un consigliere regionale (Giancarlo Tagliaferri), un assessore a Piacenza (Erika Opizzi) e cinque consiglieri nel capoluogo. «Da oggi inizia un nuovo percorso – spiega lo stesso Gabbiani nella sede del partito in via Stradella, affiancato dal segretario provinciale Filippo Bertolini -, una scelta che arriva dopo aver riflettuto sui dieci anni di percorso politico. Ho individuato un partito che rappresentasse i miei valori, un partito che ha un’ottima classe dirigente a livello nazionale e locale, capace di entrare nel merito delle situazioni. In una politica di slogan e superficialità bisogna tornare a farla sul serio. Fratelli d’Italia è un partito tradizionale, con forti valori storici e tra la gente».

Gabbiani nel Movimento 5 Stelle ha sempre rappresentato l’anima un po’ più di destra. «Ora sono tornato a casa, da quando ho 16 anni erano questi i miei valori. Ho creduto molto nel Movimento 5 Stelle, pensavo fosse la risposta ai problemi della politica ma è andato tutto a “farsi friggere”, lo vediamo da ciò che stanno facendo al Governo del Paese». «Nel Movimento – aggiunge ancora Gabbiani - sono cresciuto tanto, però ora bisogna di crescere ancora politicamente e ho scelto Fratelli d’Italia. C’è la possibilità di costruire un percorso importante. Vero che serve anche fare politica in rete soprattutto per i più giovani, ma occorre farla anche dal vero». C’è chi comunque pensa che il passo dal Movimento 5 Stelle a Fratelli d’Italia sia un po’ arduo… «Quale Movimento? – risponde Gabbiani -, quello che è nato dieci anni fa o quello di adesso? Adesso è un’accozzaglia di personaggi…Sono tutto e sono niente, si sentono grandissimi slogan da persone che non stanno facendo niente. Il Movimento non esiste più, è stato un bel progetto, utopico, e lo si vede. Se uno pensa di governare un Paese con un logo e con un portale, non ha capito nulla dell’economia italiana. C’è un mono-pensiero Casaleggio-Di Maio, tutto qua. La politica è cosa diversa che fare due chiacchiere al bar».

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento