menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«La chiusura della sezione investigativa è una decisione ineccepibile. Vergognosa la speculazione della sinistra»

Chiusura sezione investigativa della polizia locale. La maggioranza: «Inqualificabili le illazioni che vorrebbero legare la decisione ad un’indagine su alcuni appartenenti all’Arma dei carabinieri»

«La vergognosa speculazione, montata ad arte, dalla sinistra e da quella estrema, a fronte di un’ineccepibile decisione dell’Amministrazione Comunale, volta ad impegnare anche la polizia locale tutta per le gravose incombenze che la situazione d’emergenza sanitaria impone, ben diverse da quelle del periodo di lockdown, e le suggerite ed inqualificabili illazioni che vorrebbero legare detta decisione ad un’indagine su alcuni appartenenti all’Arma dei carabinieri, tuttora in corso e per di più delegata dalla Procura della Repubblica alla Guardia di Finanza di Piacenza, sono conseguenti al nuovo modo di fare opposizione preannunciato dal commissario provinciale del Pd, Silvio Bisotti». Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega e Liberali Piacentini, ovvero le forze di maggioranza che sostengono l'Amministrazione, difendono la decisione della Giunta Barbieri. 

«In un’interrogazione inviata per conoscenza a più soggetti istituzionali - prosegue il centrodestra locale - ma stranamente non alla Procura generale della Corte centrodestra maggioranza-4dei Conti, al Consiglio Superiore della Magistratura e al Procuratore generale della Corte d'appello di Bologna, vengono snocciolati dati di un’attività di certo importante e che, tuttavia, può essere svolta anche dalle sezioni di polizia giudiziaria istituite nelle procure. Chi vuole fare passare il messaggio che si impedirebbe oggi la repressione di reati o di comportamenti criminali mente sapendo di mentire. In primo luogo perché alla Polizia Locale compete comunque di comunicare all’autorità giudiziaria ogni e qualsiasi notizia di reato.

«In secondo luogo  - spiega la maggioranza  - perché come chiarito in modo inequivocabile dal Procuratore della Repubblica il nucleo investigativo scientifico e sicurezza della Polizia Locale non apparteneva alla sezione di polizia giudiziaria né era alle dirette dipendenze dell’autorità giudiziaria, tant’è che era collocato in staff al Comandante della Polizia Locale. Ora tentare di fare confusione, come fa la sinistra non può che essere denunciato a chiare lettere: al solo scopo di alzare fumosi polveroni. Negli uffici giudiziari risulta distaccata una sola persona della Polizia Locale».

«Quanto ai compiti specifici della Polizia Giudiziaria non al PD ma agli articoli 55,56,57, 58 e 59 del codice di procedura penale ci si deve riferire ed appellare. In particolare, - concludono - quanto alla competenza territoriale, giova richiamare quanto disposto dall’articolo 57, comma 2, lettera n) del codice di procedura penale. Infine sarebbe opportuno conoscere se tra le attività delegate dalla Procura di Piacenza al predetto nucleo investigativo della Polizia Locale comprenda anche quella conseguente l’esposto presentato dal sindaco Barbieri in ordine al complesso immobiliare denominato Borgo Faxhall».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento