rotate-mobile
Politica

La Giunta Barbieri: «Non ci è mai stato chiesto di esporre il Klimt a Parma»

L’Amministrazione dopo l’intervento di Sgarbi: «In ogni caso saremmo comunque contrari all’iniziativa»

«Pare doveroso smentire la voce, del tutto infondata oltre che inverosimile, ripresa da certi organi stampa, secondo la quale sarebbe stata avanzata una richiesta (dalla Regione, si scrive) di mettere a disposizione della città di Parma il Ritratto di Signora di Klimt per rilanciare la portata della Capitale della Cultura 2020/21, ciò a fronte di un contributo regionale di 700mila euro». Partendo da questa smentita, l’Amministrazione Barbieri interviene nel dibattito apertosi sul Ritratto di Signora di Gustav Klimt rinvenuto lo scorso dicembre. La polemica si è aperta sulle pagine del quotidiano nazionale "Il Giornale": nei giorni scorsi il critico d'arte Vittorio Sgarbi ha fatto sapere che il presidente della Regione Stefano Bonaccini e Parma stiano lavorando per esporre il Klimt durante le manifestazioni per "Parma Capitale della cultura italiana", evento che era in programma nel 2020, poi spostato al 2021 a causa dell'emergenza Covid-19. Sgarbi invitava la comunità piacentina - Amministrazione e galleria Ricci Oddi - a darsi da fare per esporre al più presto il quadro. 

Ora la Giunta Barbieri si sente in dovere di smentire le considerazioni del critico. «Partendo dal dato di fatto che il quadro è di proprietà della Galleria e non del Comune di Piacenza - pertanto, eventualmente, sarebbe stato interessato della cosa il CdA della Galleria medesima che è l’unico soggetto titolato a disporre dell’opera d’arte (dove, lo ricordiamo, il Comune è rappresentato da due membri su sette e pertanto non è nemmeno in posizione di maggioranza) - si chiarisce che né ufficialmente né informalmente è mai stato fatto cenno di siffatti progetti al Comune di Piacenza – gli atti del Comune sono pubblici ed è facilmente verificabile la cosa – e che pertanto non corrispondono in nessun modo, per quanto ci riguarda, alla realtà».

«Ciò che possiamo dire, a differenza delle chiacchiere di qualcuno – sottolinea l’Amministrazione - è che ovviamente un’idea di tale tipo vedrebbe la nostra totale contrarietà siccome l’Amministrazione opera per promuovere la Città di Piacenza e non altri». «Contribuire ad alimentare disinformazione – conclude - veicolando notizie non concretamente verificate, oltre a non fare un favore alla corretta informazione e al dovere di cronaca, sicuramente non fa un favore né alla Galleria né alla nostra comunità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Giunta Barbieri: «Non ci è mai stato chiesto di esporre il Klimt a Parma»

IlPiacenza è in caricamento