rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica

La Giunta ha deciso: l'addizionale Irpef nel 2019 rimarrà invariata

L’Amministrazione Barbieri non ritoccherà le aliquote dell’addizionale Irpef. La Giunta: «Scegliamo una strada più in salita per far quadrare i conti, venderemo solo le quote di Iren. Il sacrificio lo farà il Comune». L'assessore Passoni: «Spese ancora più ristrette, ma salvaguarderemo i servizi»

NUOVO BILANCIO: «NON PARLO DI TAGLI, MA EFFICIENTAMENTO DELLA SPESA»

Per “contrizione della spesa” la Giunta cosa intende? «Nessuna anticipazione su questo tema - è la replica dell'assessore Passoni - vedremo più avanti in tema di discussione di bilancio. Abbiamo delle proiezioni che ci consentono di salvaguardare il bilancio mantenendo i servizi. Io non parlo di "tagli", ma di "efficientamento". E poi alcuni contratti in alcuni settori finalmente arrivano al termine con la fine del 2018. Ci sono tanti modi per efficientare la spesa».

NO ALL’INDEBITAMENTO, SI’ ALLA VENDITA DELLE QUOTE IREN

Una carta che il Comune si sente di non giocare è quella dell’indebitamento dell’ente. «Non credo sia possibile ricorrere all’indebitamento – chiarisce l’assessore Passoni -, ma parlo a titolo personale. Per me questa strada non è percorribile. Attualmente siamo poco indebitati rispetto agli altri comuni, non ritengo però giusto stipulare ora dei mutui. Abbiamo degli altri strumenti, come la vendita delle quote di Iren, a cui possiamo attingere». Il Comune può vendere fino a un massimo di 5 milioni e mezzo di azioni. «Il quantitativo di azioni che metteremo sul mercato sarà in rapporto ai contenuti del piano delle opere pubbliche. Contiamo inoltre di avere un avanzo di amministrazione e avremo a disposizione anche una parte di capitale sociale della società “Imebep”, ora in liquidazione, di cui il Comune deteneva il 36%».

IL SINDACO: «CONFRONTO APERTO IN MAGGIORANZA, SENTIAMO DI SACRIFICARCI»

A IlPiacenza.it risultavano diversi incontri e fibrillazioni tra i consiglieri di maggioranza per discutere della questione dell'aumento Irpef. Gran parte della maggioranza sia oramai convinta ad aprire questa possibilità. Poi la Giunta ha deciso di rinunciare al provvedimento e lasciare le cose com'erano. «C’è stato un confronto politico ed economico - ha commentato il sindaco Barbieri -, abbiamo effettuato simulazioni e previsioni sui conti. Siamo qua per cercare di fornire servizi senza caricare di sacrifici il cittadino. Abbiamo fatto delle verifiche interne, tutti i consiglieri di maggioranza hanno detto la loro e li ringrazio perché li ho trovati molto collaborativi, ci hanno aiutato. Ho visto molta serenità di giudizio e senso di responsabilità. Non c’è alcuna preclusione a parlare tra noi di nessun tema. Sappiamo che ora il percorso nostro sarà più difficile, potevamo essere più superficiali. L’aumento dell’Irpef era lì pronto, fatto da altri. Ma non lo abbiamo applicato. Erano 2,6 milioni in più che avevamo praticamente già in tasca. Potevamo farlo domani mattina - ha chiosato il primo cittadino - senza batter ciglio. Facciamo questo tipo di sacrificio, sentiamo di farcela».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Giunta ha deciso: l'addizionale Irpef nel 2019 rimarrà invariata

IlPiacenza è in caricamento