rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

«La procedura dei risarcimenti si chiuderà nelle prossime settimane»

L’assessore regionale Paola Gazzolo risponde all’imprenditore Bruno Ferrari che si è incatenato alla sede della Provincia: «Nessuna impresa lasciata sola. Chieste integrazioni per oltre il 95% delle domande, per evitare esclusioni dai contributi. Una telefonata è più efficace di uno show»

«La procedura di riconoscimento dei danni alle imprese si chiuderà nelle prossime settimane: ogni azienda riceverà la comunicazione con l’ammontare del contributo concesso. Grazie al Governo, chi ha subito conseguenze da alluvione o maltempo potrà avere un indennizzo. È questo il risultato di un intenso lavoro istruttorio partito lo scorso 4 settembre, quando è scaduto il termine per presentare le domande di rimborso da parte degli interessati. Ne sono arrivate 235 da Piacenza a Rimini e per oltre il 95% dei casi è stato necessario richiedere integrazioni o chiarimenti perché incomplete oppure non compilate correttamente. Tra queste ultime anche quella del signor Ferrari». Così l’assessore regionale all’ambiente Paola Gazzolo, risponde alla provocazione dell’imprenditore di Ferriere Bruno Ferrari, che si è incatenato davanti alla sede della Provincia di Piacenza in via Garibaldi. Ferrari aspetta i risarcimenti per la sua azienda, rimasta vittima della furia del torrente Grondana.

«L’unico obiettivo della Regione – gli risponde Gazzolo - è non escludere nessuno degli aventi diritto dagli indennizzi, nel limite delle norme e delle risorse definite dal Governo. Per questo abbiamo assicurato a tutti la possibilità di integrare, precisare e specificare le richieste avanzate, laddove necessario. Non è burocrazia. L’alternativa, per queste aziende, sarebbe stata perdere i fondi: un’ipotesi che non abbiamo mai preso in considerazione. Certo, ne è derivato un grande lavoro che si sta concludendo nell’arco di 5 mesi. Non di anni come lamenta Ferrari. Lo abbiamo fatto senza lasciare mai nessuno solo: tutti coloro che hanno chiesto informazioni sullo stato della propria pratica hanno avuto puntuale risposta. Lo stesso sarebbe avvenuto per Ferrari, se avesse contattato gli uffici regionali o la sottoscritta, sempre disponibile a rispondere a cittadini, operatori economici e Comuni. Una telefonata è più efficace di uno show».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«La procedura dei risarcimenti si chiuderà nelle prossime settimane»

IlPiacenza è in caricamento