rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Politica

«La prossima Giunta avrà bisogno di maggiori entrate per migliorare la qualità dei servizi»

Il consigliere del centrosinistra: «Bisognerà pensare alle leve fiscali per amministrare. Per realizzare i programmi promessi, occorrono risorse»

«Siamo in campagna elettorale – interviene Roberto Colla, consigliere comunale civico del centrosinistra - lo si vede non solamente perché in città spuntano come funghi cartelloni pubblicitari e sui social profili di candidati consiglieri volti a sponsorizzare la propria persona, ma lo si è visto anche in consiglio comunale nei vari interventi che hanno caratterizzato l’ultima seduta dedicata al bilancio.

Essendo l’ultimo bilancio di un quinquennio, nel mio intervento, non polemico ma costruttivo, ho messo in evidenza alcune situazioni che la prossima amministrazione dovrà affrontare e per le quali, a mio avviso (ho parlato a titolo personale), pur proseguendo nell’attività di recupero del sommerso e di razionalizzazione delle spese, sarà costretta a fare (ovviamente la speranza è che ciò non accada) per “far respirare” il prossimo bilancio: agire sulle leve fiscali a sua disposizione. Sull’attuale bilancio ho detto “gravitare” alcuni fantasmi.

Uno su tutti è quello legato all’aumento dei costi delle utenze. E’ vero che il Governo ha preannunciato un ristoro, a quanto ammonterà per il Comune di Piacenza? Sicuramente andrà ad incidere tantissimo. Pensiamo anche a quanto l’aumento del costo delle utenze andrà ad incidere, per esempio, sull’Asp, che purtroppo sconta già il deficit finanziario che il Comune dovrà ripianare a seguito della pandemia. Per non parlare delle richieste di adeguamento dei piani economico-finanziari ai quali la macchina comunale dovrà dare risposta: sembrerebbero ammontare a 500mila euro per il Carmine e a 300mila euro per la gestione delle piscine comunali.

Vogliamo parlare di piazza Cittadella? Sia che si proceda ai lavori che in caso contrario, il Comune dovrà “mettere mano al partofoglio” in considerazione del fatto che nel primo caso molto probabilmente, visto l’aumento del costo delle materie prime, potrebbe essere richiesto un riequilibrio del piano economico-finanziario, nel secondo essendo in essere un contratto è molto probabile che venga chiesta una sanzione per averlo disdetto.

Vogliamo parlare del Palabanca? La struttura necessita di continua manutenzione; ricordiamo che in caso di forte pioggia o neve, l’acqua cadeva sul parquet e si è dovuto intervenire. Perché non pensare ad inserire il progetto di un moderno palazzetto dello sport utilizzando i fondi del Pnrr? Vogliamo parlare del Garilli? Credo sarà prossimo il rifacimento del manto erboso e sicuramente, essendo una struttura che ha spento più di 50 candeline, essa necessita di continue manutenzioni e adeguamenti normativi.

Le difficoltà del periodo che stiamo attraversando le conosciamo tutti: le risorse che il Comune dovrà predisporre per l’aiuto alle famiglie saranno ingenti, essendo i bisogni e le richieste sempre maggiori. Siamo inoltre sicuri che in questi ultimi anni l’amministrazione abbia stanziato risorse sufficienti per le manutenzioni? (In che condizioni sono molte strade? E le piscine comunali?). Sono davvero sufficienti le risorse per le nuove povertà? Sono state trovate le risorse per adeguare gli organici della polizia locale?

Il punto è che questa Amministrazione, per non aumentare le imposte, non garantisce sufficienti e adeguati servizi ai cittadini e non tutela come dovrebbe il patrimonio comunale. Di conseguenza la prossima Amministrazione, se non vuole accettare questa tendenza al degrado, di qualunque colore politico sia, dovrà affrontare seriamente il problema di trovare nuove e maggiori entrate correnti e monitorare davvero la qualità dei servizi. E con franchezza sono convinto (parlo a titolo personale) che se i risparmi, le razionalizzazioni e i recuperi delle entrate non saranno sufficienti, bisognerà pensare alle leve fiscali non perché piaccia, ma perché, per amministrare e realizzare i programmi promessi, occorrono risorse. Certo, in campagna elettorale questi ragionamenti possono sembrare strani, quasi un autogol, ma sono abituato a dire (dopo essermi informato) quello che penso, anche se scomodo, perché voglio essere trasparente e serio nel mio ruolo di consigliere comunale».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«La prossima Giunta avrà bisogno di maggiori entrate per migliorare la qualità dei servizi»

IlPiacenza è in caricamento