La replica del sindaco Reggi a Polledri: prende lucciole per lanterne

Critica la Giunta ma “fa torto a se stesso dimostrando di avere scarsa memoria”. A meno di 24 ore di distanza, arriva la replica di Reggi al parlamentare leghista Polledri. Le sue accuse? “Fini a se stesse e immotivate”

Arriva secca una manciata di minuti fa la replica del sindaco Reggi alle accuse mosse ieri pomeriggio da Polledri (Lega) alla sua Giunta. “Ancora una volta, il consigliere comunale Massimo Polledri incorre, con le sue dichiarazioni, in un banale errore: nel tentativo di infangare il lavoro della Giunta, fa torto innanzitutto a se stesso, dimostrando di avere scarsa memoria e rivelando, attraverso una strumentale polemica di natura politica, la propria inaffidabilità nei confronti dei piacentini”. 
  Su Islam e omosessualità occorre un confronto pluralista, non chiusure pregiudiziali  

Non fanno una piega le parole del sindaco. Poi punta nuovamente il dito contro il consigliere di opposizione, che si serve della stampa (e non del Consiglio) per esternare le sue preoccupazioni. “Non capisco, innanzitutto, per quale motivo Polledri non abbia esternato il giorno prima in sede di Consiglio comunale, che mi pare la più opportuna per garantire la chiarezza e la serietà del dibattito pubblico, le sue perplessità sulla zona di via Roma e sull’attività dell’Agenzia di Sviluppo”.

Sul Festival del Diritto, infine, il primo cittadino è lapidario e anche pieno di sottaciuta ironia: “Sorge il dubbio che Massimo Polledri abbia seguito un’altra kermesse e abbia preso lucciole per lanterne, poiché sia il pubblico sia i media hanno riscontrato un dibattito serio e di alto livello, certo non quelle che egli denuncia come aperture all’Islam, al testamento biologico, all’eutanasia o ai matrimoni gay”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento