Le "Sardine" arrivano a Fiorenzuola contro Matteo Salvini

Il movimento spontaneo nato a Bologna e diffusosi a macchia d’olio in tutta Italia, ha lanciato l'appello sui social: le "Sardine" scenderanno in piazza alle 18 in piazzale Taverna

La manifestazione a Modena

Le "Sardine" scenderanno in piazza a Fiorenzuola. Il movimento spontaneo nato a Bologna e diffusosi a macchia d’olio in tutta Italia, definito anche il "nemico più pericoloso di Salvini", hanno lanciato l'appello sui social per una reunion di protesta all'arrivo del segretario della Lega nel capoluogo della Valdarda. Lui arriverà a Fiorenzuola intorno alle 19 di domencia 24 novembre. Le "Sardine" scenderanno in piazza un'ora prima, alle 18, in piazzale Taverna. "Niente simboli e bandiere, domenica ci sarà spazio per tutti" - scrivono.

Il caso dell'insegnante del Mattei non ha fatto altro che esacerbare gli animi alla vigilia di questa manifestazione. Anche 

RETE DEGLI STUDENTI EMILIA ROMAGNA: «LA SCUOLA NON SI LEGA, SIAMO TUTTE SARDINE»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Se pensavamo che la scuola fosse una roccaforte dove le idee potessero circolare senza subire ripercussioni ci sbagliavamo». È notizia di oggi la dichiarazione di un professore del Mattei del comune di Fiorenzuola che esprime su Facebook la sua opinione sulla manifestazione delle Sardine a Piacenza, intimidendo i suoi studenti a partecipare. «Non è ammissibile che la scuola sia un luogo dove gli studenti devono avere paura e rischiare la propria carriera scolastica per le opinioni politiche dei professori», dichiara Alexander Fiorentini, Coordinatore della Rete degli Studenti Medi Emilia Romagna e Portavoce Nazionale delle Consulte Studentesche. «È necessaria una posizione forte da parte di tutte le Istituzioni del nostro territorio nel sollecitare il Ministero dell'Istruzione a prendere drastici provvedimenti.  Chi scrive che si riconosce negli atteggiamenti e nelle parole "fascistoidi" minacciando sanzioni per chi la pensa diversamente non può insegnare nella scuola pubblica italiana. Il fascismo non è un'opinione, è fuori dalla Costituzione», conclude Fiorentini. Continua Chiara Brogi, Rete degli studenti Medi di Piacenza: «C'è bisogno di una risposta immediata da parte degli studenti piacentini, dei docenti e dell’ufficio scolastico provinciale. Saremo in tutte le piazze a manifestare pacificamente e democraticamente avendo la libertà di dissentire, avere opinioni, rivendicare i nostri diritti di studenti e cittadini. Come rappresentante di Consulta proporrò ai rappresentanti degli studenti di attivare ancora più progetti di educazione civica, approfondimento della Costituzione, iniziative contro razzismo e xenofobia. Speriamo di avere il massimo sostegno da parte dei nostri docenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

  • Ferriere, il nuovo sindaco è Carlotta Oppizzi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento