Lega: «Bisotti e Pd sconfortanti su azzeramento rette asili»

I consiglieri comunali del Carroccio: «Deriva autoreferenziale del Pd che strumentalizza la realtà. Bisotti riconosca i meriti di chi ha azzerato la retta, dove altri comuni hanno solo ridotto»

«E' sconfortante che il segretario provinciale del Pd piacentino, Silvio Bisotti, non capisca il motivo per il quale la Lega abbia espresso il proprio plauso alla giunta guidata dal sindaco Patriza Barbieri, che ha azzerato le rette degli asili». Così il gruppo consiliare della Lega interviene dopo il botta e risposta tra lo stesso Carroccio e il Partito Democratico. «Ribadiamo: è sconfortante – proseguono i consiglieri comunali leghisti - perché rivela una volta in più la deriva autoreferenziale di questo Pd (da tempo distaccato dalla realtà ma ben ancorato alle poltrone) che si stupisce di fronte alla trasparenza dell'azione amministrativa e fors'anche di fronte alla capacità di un'amministrazione di adottare provvedimenti favorevoli alla cittadinanza. Certo, a un partito che rappresenta solo se stesso non resta che fare comunicati nel tentativo, questa volta sì, di strumentalizzare la realtà nel tentativo di mettere qualche bandierina del Pd su proposte che, poi, un sindaco e i suoi assessori di centrodestra hanno tradotto in realtà. E' questa la differenza sostanziale: c'è chi parla per far vedere che esiste e chi, invece, dietro le quinte lavora e tramuta in realtà atti amministrativi per il bene della comunità che rappresenta. Bisotti, anziché fare polemica, dovrebbe riconoscere i meriti dell'amministrazione di centrodestra di Piacenza per aver azzerato la retta degli asili, a differenza di quanto fatto da altri comuni che l'hanno solo ridotta. Così come dovrebbe riconoscere l'impegno della Giunta Barbieri, in procinto di attivare provvedimenti e misure concrete per aiutare bar, ristoranti ed esercizi pubblici a rialzarsi. Da ultimo, quando Bisotti parla di unità d'intenti e di collaborazione tra forze politiche dice una verità, peccato che sbagli indirizzo: l'uomo solo al comando, tutto proclami e annunci e pochi fatti, è il suo governatore Stefano Bonaccini. Concludiamo esprimendo la nostra vicinanza e solidarietà al Bisotti-politico, ancora più solo dopo l'ultima tornata elettorale piacentina del 26 gennaio scorso, ricordandogli, però, che l'autoreferenzialità di chi sa di rappresentare solo se stesso (e pochi altri) non lo autorizza a strumentalizzare a fini propagandistici un periodo difficile e di grande sofferenza come quello che stiamo attraversando».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • Muore schiacciato sotto un trattore a Ferriere

  • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un albero, ferito un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento