rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
In vista delle Europee

Lega, delegazione piacentina in visita all'Europarlamento

«L'Unione Europea dovrebbe tornare ai suoi principi costitutivi e quindi una comunità di popoli con le loro peculiarità e tradizioni, e non una istituzione governata dalle grandi lobby internazionali»

Nei giorni scorsi una delegazione piacentina della Lega, composta tra gli altri dal consigliere comunale di Piacenza Luca Zandonella, dal vice sindaco di Cortemaggiore Stefano Rancan e dell'Assessore di Rottofreno Gianmaria Pozzoli, ha raggiunto l'Europarlamento di Bruxelles per incontrare l'onorevole veronese Paolo Borchia: «La visita alle istituzioni europee è stata importante per portare le istanze del territorio piacentino all'attenzione del gruppo "Identità e Democrazia", avendo avuto la possibilità di incontrare gli europarlamentari Paolo Borchia ed il capo delegazione Marco Campomenosi, oltre che il funzionario piacentino Filippo Pozzi».

«In particolare,  - dicono - Borchia si è detto disponibile a dare voce alle problematiche del territorio piacentino, come le peculiarità del mondo agricolo, i problemi del grave inquinamento che attanaglia la pianura padana e la valorizzazione delle aree appenniniche sempre più soggette all’abbandono. Si è poi analizzato il momento politico in vista delle imminenti elezioni europee, dove votare sarà molto importante per cercare di scardinare la ormai storica alleanza tra socialisti e popolari che governa l’Ue: follie come le case green, lo stop ai motori endotermici e l'incapacità di difendere i confini europei, devono essere fermate. Votare la Lega l'8 e il 9 giugno significa lottare per invertire la rotta». «L'Unione Europea - concludono i leghisti – dovrebbe tornare ai suoi principi costitutivi e quindi una comunità di popoli con le loro peculiarità e tradizioni, e non una istituzione governata dalle grandi lobby internazionali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega, delegazione piacentina in visita all'Europarlamento

IlPiacenza è in caricamento