menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lega: «Pandemia sottovalutata, Regione faccia chiarezza»

L'interrogazione della Lega (prima firma Rancan) chiede attenzione sulla "strage" del piacentino: «Prima per numero di vittime, i cittadini meritano risposte»

«La Regione faccia chiarezza sulle ragioni della sottovalutazione iniziale della pandemia che ha portato a una vera strage nel piacentino». Lo chiede una risoluzione della Lega (a prima firma Matteo Rancan), che porta l'attenzione su quanto accaduto nella provincia di Piacenza, risultata prima a livello nazionale per numero di vittime in relazione alla popolazione (superando anche le province di Bergamo, Brescia e Cremona). «I cittadini piacentini, abbandonati all'inizio della crisi dalla Regione, meritano risposte certe e circostanziate, non affermazioni vaghe o dichiarazioni che si contraddiranno a distanza di giorni», rimarcano i consiglieri del Carroccio.

Le cifre del cluster piacentino - si legge nell'atto ispettivo - incidono a tal punto da rappresentare il 25% del totale dei decessi in Emilia-Romagna, seppure la provincia pesi soltanto per il 6% sul totale della popolazione. La situazione non sarebbe più rosea nelle Rsa dove l'Emilia-Romagna registra la più alta percentuale di decessi tra gli anziani (57,7% contro il 53,4% della Lombardia): «Ma anche in questo caso tutto è passato in sordina», ribadisce il Carroccio. «L'avvicinarsi della fase 2 dell'emergenza sanitaria impone un primo bilancio sull'emergenza e un momento di riflessione su quanto avvenuto».

L'interrogazione è stata firmata da: Matteo Rancan, Emiliano Occhi, Andrea Liverani,Maura Catellani, Gabriele Delmonte, Daniele Marchetti, Valentina Stragliati, Michele Facci, Stefano Bargi, Simone Pelloni, Fabio Bergamini, Massimiliano Pompignoli, Fabio Rainieri e Matteo Montevecchi.

Rancan: «Conte manda in pallone anche Bonaccini: il Governatore prima lo promuove, poi gli dà il cartellino giallo»

«L'unica cosa certa sulla quale tutti convergono è che il premier Giuseppe Conte ce l'ha davvero fatta a scontentare tutti. Dopo le stoccate ricevute dall'opposizione, ora il presidente del Consiglio viene bacchettato anche da Stefano Bonaccini, tornato sui suoi passi nel volgere di una notte. Ieri, infatti, il governatore della Regione Emilia-Romagna aveva dichiarato di essere soddisfatto perché Conte aveva recepito molte delle sue proposte. Evidentemente, poi, il sonno gli ha portato consiglio, e oggi Bonaccini si dice molto deluso per quanto attiene il nulla di fatto del governo su “scuola e famiglie”, minacciando simbolicamente di “tirare fuori il cartellino rosso"». Così il capogruppo della Lega Emilia-Romagna, Matteo Rancan, che aggiunge: «Invece di fare propaganda mediatica, Bonaccini chiami il suo presidente del consiglio e gli chieda ragione di questa confusione e di fare chiarezza quanto prima. Certo è che anche Bonaccini, nonostante le sollecitazioni della Lega, ad oggi ha fatto ben poco per famiglie, micro e piccole imprese»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Come apparecchiare la tavola: le regole del galateo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento