Politica

Lega Salvini Premier: «Vicini ai commercianti, lavoro e salute devono andare avanti insieme»

«Oltre agli esercizi per la ristorazione non dimentichiamo che in forte sofferenza ci sono anche, tra gli altri, parrucchiere, estetiste, palestre, piscine, negozi di abbigliamento e settore dello spettacolo»

“Comprendiamo la protesta di partite iva e titolari di pubblici esercizi e siamo loro vicini, convinti che si debba trovare un punto di equilibrio per garantire salute e lavoro”. Il referente provinciale Luigi Merli con il consigliere comunale Marvin Di Corcia e tutto il gruppo Lega Salvini Premier del Comune di Piacenza intervengono dopo le manifestazioni tenutesi lunedì ed oggi in seguito alla presa di posizione del presidente Fipe, Cristian Lertora. “È inevitabile lo sfogo di baristi, ristoratori, negozianti di abbigliamento, gestori di palestre e piscine e di tutte quelle categorie economiche che si trovano in forte sofferenza per effetto delle rigide chiusure imposte norme anti-Covid. Al Governo è allo studio un decreto, chiesto da diverse Regioni, che dovrebbe consentire valutazioni a livello provinciale in base all’andamento della pandemia, sarebbe una norma di assoluto buon senso, che per Piacenza, dove al momento i dati della pandemia sono sotto controllo, rappresenterebbe una buona opportunità di ripartenza. Non si può non essere d’accordo con quegli imprenditori che sottolineano che loro restano chiusi, ma altre simili attività sono aperte, i parchi sono affollati e vengono pure organizzate manifestazioni sindacali dove, come si è visto, non si rispettano le norme del distanziamento. Consentire, nel momento in cui la situazione sanitaria lo permette, a questi operatori di riaprire non significherebbe farlo al di fuori delle regole, anzi, queste categorie hanno sempre utilizzato, sostenendo diversi costi, tutte le misure e precauzioni richieste dai vari decreti che si sono succeduti. I commercianti sanno che possono essere controllati con rigore, il loro obiettivo è poter ritornare a lavorare per uscire dalla crisi e non hanno alcun interesse a infrangere le disposizioni anti-Covid in vigore”.

RANCAN E STRAGLIATI (LEGA ER): “VICINI AI COMMERCIANTI, LAVORO E SALUTE DEVONO MARCIARE DI PARI PASSO” 

“Dopo i tanti mesi di sacrifici che abbiamo alle spalle non possiamo che comprendere la protesta di partite iva e titolari di pubblici esercizi e siamo loro vicini, convinti che si debba trovare un punto di equilibrio per garantire salute e lavoro che devono quindi marciare di pari passo”. Il capogruppo della Lega ER Matteo Rancan e la consigliera del Carroccio Valentina Stragliati intervengono dopo le manifestazioni tenutesi lunedì ed oggi in seguito alla presa di posizione del presidente Fipe di Piacenza, Cristian Lertora. “È comprensibile ed inevitabile lo sfogo di baristi, ristoratori, negozianti di abbigliamento, gestori di palestre e piscine e di tutte quelle categorie economiche che si trovano in forte sofferenza per effetto delle rigide chiusure imposte dalle norme anti-Covid". “Consentire, nel momento in cui la situazione sanitaria lo permette, a questi operatori di riaprire non significherebbe farlo al di fuori delle regole, anzi, queste categorie hanno sempre utilizzato, sostenendo diversi costi, tutte le misure e precauzioni richieste dai vari decreti che si sono succeduti” - hanno aggiunto Rancan e Stragliati - precisando che “l’obiettivo dei commercianti è poter ritornare a lavorare per uscire dalla crisi e non hanno alcun interesse a infrangere le disposizioni anti-Covid in vigore” hanno concluso gli esponenti della Lega.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega Salvini Premier: «Vicini ai commercianti, lavoro e salute devono andare avanti insieme»

IlPiacenza è in caricamento