«Legambiente parla a vanvera: i capannoni del polo logistico sono un terzo di quelli da loro dichiarati»

Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia difendono l’assessore Opizzi: «Sparuto gruppo di contestatori che getta bufale in pasto all’opinione pubblica sul polo logistico piacentino»

il centrodestra in Consiglio comunale

Il triumvirato del centrodestra - Fratelli d'Italia con il capogruppo Gian Carlo Migli, di Forza Italia con Sergio Pecorara  e Lega (Carlo Segalini) – in Consiglio comunale, dà manforte all’assessore all’urbanistica Erika Opizzi, aspramente contestata da Legambiente e dal comitato “Basta logistica”, che nei giorni scorsi hanno consegnato 3490 firme contro l’insediamento di nuova logistica in città. «Se prima della replica – spiegano Migli, Pecorara e Segalini - a suon di dati inoppugnabili, dell'assessore Erika Opizzi si poteva pensare ad una grossolana svista da parte di Legambiente, la replica di quest'ultima conferma chiaramente la volontà della stessa di manipolare i dati a suo uso e consumo, ai fini unici di creare ingiustificato allarmismo nella opinione pubblica. Peccato che partendo per suonare finisce suonata. Legambiente sa infatti benissimo, per averne citato anche il numero di pagina, che nello studio Piacenza Territorio Snodo, la superficie coperta del Polo logistico, cioè quella occupata dai capannoni, è li quantificata in 950.000 metri quadrati, un terzo dei 2.700.000 metri quadrati falsamente indicati della organizzazione ambientalista nella petizione fatta sottoscrivere ai cittadini. E infatti l'assessore Opizzi ha correttamente parlato di 1.170.000 metri quadrati di superficie massima coperta da capannoni, già includendo il possibile massimo sviluppo della aree AP3 e AP6. Un truffaldino giochetto, quello messo in piedi da Legambiente, volto a scambiare la superficie territoriale di un'area con la superficie utile, addirittura finendo per comprendere in questa ultima anche il verde di compensazione.

«Non solo. Ma proprio restando in tema di logistica, lo sparuto gruppo di protestatari di Piazzetta San Francesco dovre‎bbe dire come mai non fece tanto rumore - forse che non volesse creare fastidi alla Giunta Dosi? Quando il 27 febbraio 2017  venne approvato‎ in Consiglio Comunale ‎ con il voto contrario del centrodestra il documento di indirizzo per la redazione del Piano Operativo Comunale. Nell' allegato C di quella deliberazione, meritoriamente lasciata poi morire come atto di discontinuità politica dall'assessore Opizzi, si prevedeva che il Polo di sviluppo Roncaglia Borghetto venisse specificatamente destinato ad ospitare funzioni logistiche e produttive ad elevato contenuto tecnologico e innovativo. Forse che allora vi fosse una supina complicità con quelle scelte della sinistra?‎ Ma tant'è: non sapendo come arrampicarsi sugli specchi Legambiente arriva ad evocare una manifestazione d'interesse del 2016, quando sia ben chiaro governava la sinistra, che sarebbe addirittura scomparsa (ma perché non ha mai denunciato il fatto?) con ciò confermando che le prime richieste degli operatori per l'area Roncaglia-Borghetto vennero presentate con la giunta di sinistra. Non bastasse Legambiente nella petizione sottoposta ai cittadini paventa l'approvazione imminente di un ulteriore insediamento logistico di 1.300.000 metri quadrati quando la realtà dei fatti dimostra che se è legittimo per un operatore formulare richieste è legittimo oltre che lecito per il centrodestra respingerle, posto oltretutto che non vi sarebbero comunque le condizioni giuridiche per diversamente decidere. Una bufala dunque gettata in pasto all'opinione pubblica per farsi bella, quella di Legambiente sul polo logistico. Ma dove gli ambientalisti nostrani si superano è a proposito dell'area dei Dossi di Roncaglia posto che nella petizione popolare asseriscono che con una delibera della Giunta Comunale 190.000 metri quadrati di terreno agricolo sarebbero stati trasformati in una nuova area logistica. Menestrelli delle bugie si guardano ben dal dire però che quella area era classificata produttiva fin dal 1967, che se la Mandelli non avesse avuto le traversie che ha avuto da 40 anni l'area sarebbe stata occupata da capannoni industriali, che già nel 2013 in quell'area era stato richiesto di realizzare due capannoni di 60.000 metri quadrati da utilizzare ai fini logistici perfettamente compatibili con la destinazione dell'area. In conclusione‎: Legambiente ha perso diverse occasioni per tacere ma se vuol parlare a vanvera glielo lasceremo fare senza più replicare. Nel soliloquio si trova perfettamente a suo agio. Perché turbarla?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • Quattro feriti nel frontale sulla Provinciale: auto a canale e pick-up ribaltato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento