Lievita il “buco” di Tempi SpA: Lega e Udc, insufficiente la partecipazione della Provincia

L'anno scorso l'azienda di trasporto pubblico locale era in rosso per 500mila euro. Quest'anno il buco è lievitato a 1.700 mila euro. Udc e Lega: necessario rimettere in sesto il bilancio, ma serve un ruolo più incisivo della Provincia

autobus1“Via Garibaldi non può essere la formica e Palazzo Mercanti la cicala”. Si sono espressi così i rappresentanti di Lega e Udc in merito alla situazione di Tempi Spa. In una lettera recapitata a tutti i direttori delle testate locali, il centro-destra piacentino ha espresso forte preoccupazione per il “buco” dell'azienda che continua a lievitare. Si è passati da 500mila euro di rosso nei bilanci al milione e settecentomila stimato per quest'anno. Così hanno scritto leghisti e centristi. Un buco, ha spiegato Fellegara, che “i soci, ossia Comune e Provincia, ripianeranno: la cifra è grande, ma si tenga conto che la società ha ridotto al minimo i costi e massimizzato l'efficienza, fornendo prestazioni buone ai costi più bassi della regione e programmando importanti investimenti”.

Per il centro-destra sono “Numeri che dicono una sola cosa: c’è la necessità impellente di rimettere in sesto il bilancio e la strategia dell’azienda dei trasporti pubblici” specificano Pisani, Gallini, Cassinari e Polledri. E qui si apre lo scenario delle soluzioni proposte con tanto di j'accuse nei confronti di Palazzo Mercanti:

“Non è assolutamente accettabile che la Provincia contribuisca al risanamento di “Tempi Spa” senza poter “orientare la barra” e svolgere funzioni di controllo e indirizzo dall’interno del consiglio di amministrazione, così come furbescamente auspicato dal sindaco Reggi. Poco ci interessa gestire la cassa, vogliamo poter essere incisivi, così come ci ha chiesto la gente attraverso il voto. Vogliamo poter cambiare dal di dentro il modo di operare e renderlo più aderente alla realtà territoriale”.

“Nel caso in cui l'azionista di maggioranza (Comune di Piacenza) non ponesse la necessaria attenzione a queste esigenze – conclude la lettera - si assumerebbe delle gravi responsabilità nei confronti di tutti i piacentini e porrebbe la Provincia nelle condizioni di pensare a soluzioni drastiche”. Quali siano queste soluzioni non è stato però anticipato; certo è che la linea collaborativa Provincia – Comune (nonostante le divergenze di vedute politiche) potrà essere possibile solo dedicando a corso Garibaldi un ruolo attivo e partecipativo nel Tempi – affaire.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento