«Macché festa della Lega, era quella della Bortellina»

La deputata Murelli sottolinea come «qualcuno abbia voluto strumentalizzare quella che è stata una goliardata. Lo spirito della giornata era solo quello di una festa, ben riuscita grazie ai tantissimi volontari»

«La festa della Bortellina di domenica mattina non era della Lega, come invece scritto da qualche giornale. Mi dispiace evidenziare come una festa di paese, con carri allegorici estivi, sia stata strumentalizzata dai giornalisti come una festa leghista solo perché la sottoscritta deputata Lega era presente, come sempre sul territorio e in tante feste popolari». Lo afferma la deputata della Lega, Elena Murelli, sottolineando come non si trattasse di un evento politico, ma solo del tradizionale appuntamento agostano a Bettola. «Penso che ormai la satira italiana - aggiunge Murelli - possano farla solo Crozza o la Littizzetto e non dei semplici ragazzi di paese, che nulla hanno a che fare con la politica: la gag su Carola e Merkel è stata solo una goliardata. Forse la sottigliezza dei particolari e la presa in giro della realtà hanno dato fastidio? Pochi, tra i tanti democratici che stanno a sinistra, si sono stracciati le vesti per i carri allegorici o le rappresentazioni di piazza contro Bossi, Berlusconi, Prodi, Renzi o contro chi incita a sparare a Salvini o a impiccarlo. Bettola è un paese stupendo e invito tutti a vedere il vero spirito di questa festa, fatta di volontari che, al di là delle idee, mettono anima, cuore ed energie per il proprio Paese e che ringrazio di cuore».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Massimo scrive a Perazzi: «Abbiamo litigato poi è scappata e non l'ho più vista»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento