Malo, Lunni (Fi): «Anche la Provincia deve partecipare al tavolo»

Il consigliere provinciale di Forza Italia sull'azienda di Borgonovo: «La Provincia sia a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori della Malo»

«La Provincia sia a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori della Malo e del comune di Borgonovo Val Tidone», lo scrive il Consigliere Provinciale Matteo Lunni (Forza Italia) al presidente Francesco Rolleri. L'azzurro, ricordando che lo scorso anno venne votata all'unanimità dal Consiglio Provinciale una risoluzione in cui si chiedeva che la Provincia "entrasse in partita" a fianco dei dipendenti Malo e a sostegno del comparto tessile borgonovese, cosa che, poi, fu effettivamente fatta, chiede, oggi, un nuovo intervento del presidente e del consigliere delegato al lavoro. «Dopo mesi di speranza - prosegue Lunni - l'azienda è tornata in uno stato di incertezza, con il rischio effettivo che non venga rispettando il piano concordatario, mentre aumenta il ricorso alla cassa integrazione per la mancanza della liquidità e del filato. I dipendenti hanno diritto ad avere certezze e finalmente, dopo anni di incertezze, un po' di tranquillità». Lunni invita pertanto il presidente a recuperare il dialogo con le associazioni sindacali per verificare lo stato della situazione e ad unirsi all'intento del sindaco di Borgonovo di sostenere le richieste di chiarimenti sul futuro dell'azienda ed, in particolare, del polo produttivo borgonovese. Il consigliere invita, infine, il presidente a raccordarsi con la Regione ed a partecipare direttamente o tramite un suo delegato, al tavolo di crisi convocato il prossimo 6 aprile presso la Regione Toscana, a cui saranno presenti anche le delegazioni emiliano-romagnole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento