Murelli (Lega): «Inaccettabile la cassa integrazione di Conad Auchan per 235 piacentini»

Murelli (Lega): «Il gruppo l'ha chiesta per 5.300 persone. Ora dia spiegazioni. Ai dipendenti la mia solidarietà e il mio impegno. Già partite due interrogazioni ai ministri di Lavoro e Sviluppo economico»

 «Sono allibita dalla richiesta del gruppo Conad. La cassa integrazione (Cig) per 5.300 lavoratori - di cui 235 a Piacenza - è del tutto difforme da quanto raccontato dagli stessi vertici dell'azienda nella loro recente audizione in commissione Attività produttive alla Camera. Chiediamo che si faccia subito chiarezza sia sul futuro dei lavoratori sia su quello dei punti vendita. Non si cambiano le carte in tavola e soprattutto non lo si fa in questo modo. La mia solidarietà e il mio impegno vanno ai lavoratori piacentini della nostra provincia, ma anche a quelli occupati nei negozi di San Rocco e Codogno». E’ duro il commento della deputata della Lega, Elena Murelli, e membro della Commissione lavoro della Camera. Ieri, ha spiegato la parlamentare, il gruppo Conad, proprietario del marchio Auchan in Italia, ha spedito i documenti ai sindacati e al ministero del Lavoro per chiedere la Cig «che coinvolge il 60% degli 8.900 lavoratori in tutto il Paese. Un fulmine a ciel sereno. Chiediamo spiegazioni e pretendiamo chiarezza. La Lega ha già presentato una interrogazione ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico». A Piacenza, la Cig riguarda i punti vendita: Piacenza 3 (15 dipendenti), Carpaneto (12), Ipermercato a Piacenza (189), negozio di Piazzale medaglie d’oro (19).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • «Su Tik Tok combatto il bullismo: la vita è più importante di chi ci odia perché diversi»

  • Cani venduti con falsi certificati sanitari, coppia a processo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento