menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Museo Pogam trasferito dalla città a Cortemaggiore, perché questa decisione?»

Interrogazione a risposta scritta del gruppo consiliare del Partito Democratico di Piacenza nei confronti della Giunta Barbieri sul trasferimento del museo del petrolio dall’Urban Center a Cortemaggiore

Il 1 ottobre 2014 è stato inaugurato al padiglione Negrotti dell'Urban Center il Museo del Petrolio, su iniziativa del Comitato promotore del Piacenza Oil Gas Museum e dell'associazione Pionieri e Veterani Eni, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale e il consolato provinciale Federazione Maestri del lavoro d'Italia, per raccontare l'origine del petrolio e del gas, l'evoluzione dell'attività estrattiva nel nostro Paese e la storia delle industrie italiane che operano nel settore, con un'attenzione particolare alla vocazione energetica di Piacenza;

«In questi anni – spiegano i consiglieri del Pd Stefano Cugini, Giorgia Buscarini, Giulia Piroli e Christian Fiazza in una interrogazione scritta - il Museo è stata meta di  visitatori attratti dall'interesse per la storia di un settore in cui hanno trovato lavoro molti piacentini nel Dopoguerra ed attorno al quale si è sviluppata una certa sensibilità soprattutto da parte di coloro (numerosi nella nostra provincia) che vi hanno avuto parenti impiegati. È stato riscontrato anche un forte interesse da parte di scuole che hanno visitato il Museo e la forte sinergia con il Politecnico di Milano».

Però il museo è stato trasferito, nei mesi scorsi, dall’Urban Center - dove era collocato come sezione del Museo di Storia Naturale di Piacenza - a Cortemaggiore. «La città di Piacenza – rilevano i quattro consiglieri del Pd - perde un'eccellenza che ha avuto il merito di trascinare fuori dall’ombra il determinante ruolo di pioniera della nostra città nella conoscenza e nella ricerca petrolifera». Il Pd interroga la Giunta Barbieri per conoscere i motivi del trasferimento, i responsabili di tale decisione, se il trasferimento sarà definitivo e se sia «almeno possibile inserire il Museo Pogam, ora a Cortemaggiore, nel circuito Piacenza Musei in Rete».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento