«Oltre 7-8mila situazioni di demenza, di cui il 60% riguardano l’Alzheimer. Servono aiuti»

Callori (Fratelli d'Italia) sollecita aiuti, già dalle prime cure, alle famiglie con malati di Alzheimer

Fabio Callori

«Rivalutare i parametri di assegnazione degli assegni di cura e accompagnamento per patologie invalidanti come l’Alzheimer». È Fabio Callori di Fratelli d’Italia a chiedere, con un’interrogazione al governo regionale, di «sostenere le famiglie dei pazienti anche nella prima fase della malattia».

I parenti degli ammalati, spiega il consigliere, «lamentano, infatti, che gli aiuti, anche economici, arrivano quando la malattia è già in uno stato avanzato, dopo mesi di cure». Secondo diverse segnalazioni, rimarca il politico, «le commissioni delle Ausl, preposte alle valutazioni per l’assegnazione degli aiuti, tendono a rivedere più volte il paziente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Alzheimer, si legge nell’atto ispettivo, «è una patologia in continua crescita: secondo alcune proiezioni epidemiologiche potrebbe triplicarsi nei prossimi trent’anni». Nella sola provincia di Piacenza, si evidenzia nel documento, «in età superiore ai 65 anni, come riportato dal locale quotidiano Libertà, si riscontrano circa 7-8mila situazioni di demenza, di cui il 60 per cento riguardano l’alzheimer».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

Torna su
IlPiacenza è in caricamento