Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

«Non possiamo oscurare la nostra storia e ignorare le nostre radici»

Fabio Callori: «Crocefissi tolti dalle aule delle scuole, presepi vietati per non creare discriminazioni, strofe eliminate dall’inno nazionale per non “creare” disturbo a chi nazionale non lo è. Siamo ormai allo sfacelo, l’Italia non è più degli italiani»

Fabio Callori

Anche Fabio Callori, vicesindaco di Caorso ed esponenente di Fratelli d'Italia commenta la vicenda del caccia dell'università Cattolica: «Apprendo della decisione assunta dall’ateneo piacentino di rimuovere dal giardino dell’Università il Caccia intercettore F-104 posato ormai da diversi  anni in onore della passione per il volo di Padre Agostino Gemelli, fondatore e primo Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Scelta che assolutamente non approvo in quanto cimelio storico e, come tale, è giusto continui ad essere ben visibile a ricordo anche della difesa della patria.  Non è possibile che per seguire le ideologie del momento e i conseguenti pregiudizi, si arrivi sovente  ad annullare quanto ha contribuito  a creare quella che oggi è la nostra storia.  Non è verosimile rinnegare il passato, disconoscere le nostre  usanze e tradizioni con futili giustificazioni».

E ancora: «Crocefissi tolti dalle aule delle scuole, presepi vietati per non creare discriminazioni, strofe eliminate dall’inno nazionale per non “creare” disturbo a chi nazionale non lo è. Siamo ormai allo sfacelo, l’Italia non è più degli italiani. Ed ora, la rimozione di un velivolo importante  del passato, impregnato della nostra storia, quella storia  che, nel bene e nel male ha gettato le basi del nostro oggi e che resta appoggio del futuro. Non possiamo oscurare la nostra storia e ignorare le nostre radici. Fratelli d’Italia, a tutti i livelli istituzionali, comunale, regionale, parlamentare, è assolutamente contro questa decisione dettata da sterili e inutili motivazioni e non condivide la scelta prospettata». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Non possiamo oscurare la nostra storia e ignorare le nostre radici»

IlPiacenza è in caricamento