rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Politica

«Non vogliamo burocrati al comando delle Polizie locali»

A Bologna la protesta del Sulpl in Regione Emilia-Romagna in difesa della Polizia Locale

Prosegue lo stato di agitazione proclamato dal sindacato di polizia Sulpl Emilia-Romagna nei confronti di «una Regione sorda – si legge in una nota della referente piacentina Miriam Palumbo - e refrattaria alle richieste che provengono dalla base. La Regione Emilia-Romagna è partner nella regressione della polizia locale. Questi in particolare a nostro avviso i punti inaccettabili: la Regione deve imporre le sue linee guida alle Amministrazioni, poiché non basta dettare gli standard minimi.

Non è possibile lasciare che la Polizia Locale rimanga ancora una volta soggiogata ai capricci dello yesman/politico/burocrate di turno e questo è comprovato da un articolato contenuto nella pseudo legge di riforma in cui si ribadisce che il comandante deve "preferibilmente" provenire dalla Polizia Locale. Un aggettivo-chiave che ha però pesanti ricadute in quanto significa che l'organismo politico (e cioè i Comuni) potrà accontentare qualsivoglia burocrate e metterlo a dirigere un comando, pur non avendo la benché minima idea del nostro lavoro.

E la distanza della Regione rispetto agli operatori su strada è evidente anche per il fatto che, ancora una  volta, non è stata prevista alcuna tutela legale e assicurativa, nonostante i rischi e le aggressioni che quotidianamente coinvolgono gli operatori della Polizia Locale, anche a seguito delle quotidiane richieste di intervento fianco a fianco con le Forze dell'Ordine aumentate in modo esponenziale a seguito del Decreto Minniti.  Dal 2016 ad oggi ben 74 agenti di polizia locale sono stati feriti in regione a seguito di aggressione, senza avere le pari tutele delle forze dell’ordine statali.   È vergognoso». Queste le ragioni per cui martedì 26 settembre, in rappresentanza della polizia locale Emilia/Romagna, una delegazione Sulpl sarà davanti alla Regione a Bologna per esprimere a gran voce il proprio dissenso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Non vogliamo burocrati al comando delle Polizie locali»

IlPiacenza è in caricamento